Seleziona una pagina

Un uomo canadese è stato condannato a due anni di carcere per aver aggredito sessualmente una ragazza e per averla poi filmata con il suo telefono.

Drayton Dwayne Preston, 20 anni, di Calgary, è stato condannato martedì a 26 mesi di prigione per aver violentato una ragazza di 17 anni, che non può essere identificata a causa di un divieto di pubblicazione, poiché era svenuta in una camera da letto.

Preston, che si è dichiarato colpevole di un conteggio di aggressione sessuale, trascorrerà anche 20 anni nell'elenco del registro degli autori di reati sessuali, ha riferito la CBC.

Secondo la dichiarazione di fatto concordata, preparata congiuntamente dalla difesa e dall'accusa, Preston e un gruppo di amici tra cui la fidanzata di Preston, la vittima e il suo ragazzo stavano festeggiando la notte del 29 luglio 2016 a casa delle vittime.

Alla fine della notte, la vittima e il suo ragazzo, entrambi ubriachi, sono andati in una camera da letto al piano di sopra, hanno fatto sesso e sono svenuti.

Drayton Dwayne Preston, 20 anni (nella foto), di Calgary, Canada, è accusato di aver violentato una ragazza di 17 anni, mentre era priva di sensi, nel luglio 2016 e di aver pubblicato il video dell'aggressione e le foto dei suoi genitali sul suo account Facebook

La mattina presto, Preston ha fatto irruzione nella camera da letto delle ragazze rimuovendo una zanzariera e ha violentato la vittima.

Si è svegliata nel bel mezzo dello stupro ma è svenuta di nuovo. Quando si svegliò di nuovo, vide che Preston era in ginocchio accanto al letto e così finse di dormire.

Poi l'ha aggredita altre due volte prima di andarsene. Dopo aver lasciato la sua stanza, la vittima ha raccontato a un amico che è rimasto la notte quello che era successo.

Più tardi quella notte, la vittima ha scoperto che Preston le aveva rubato il telefono, le aveva scattato foto di nudo e aveva registrato l'aggressione.

Ha pubblicato le immagini e il video sul suo account Facebook e li ha cancellati dal suo telefono.

Secondo la CBC, il video mostra Preston che si avvicina al letto della vittima, rimuove la coperta e allarga le gambe, il tutto mentre il suo ragazzo dorme accanto a lei.

Poi viene visto aggredirla sessualmente prima di scattare foto dei suoi genitali.

La vittima è stata successivamente affrontata dalla ragazza di Preston, che aveva visto le foto ma credeva che il diciassettenne le avesse inviate a Preston.

Preston (nella foto) si è dichiarato colpevole di un conteggio di aggressione sessuale. È stato condannato a 26 mesi di carcere e dovrà trascorrere 20 anni nell'elenco degli autori di reati sessuali

La vittima non era in grado di acconsentire. Sapevi che non era nella posizione di acconsentire, ma hai deciso di approfittare della situazione, ha detto il giudice del tribunale provinciale Gord Wong nel pronunciare la sua decisione.

Non sei soddisfatto di aver commesso questo reato sessuale, vai avanti e usi il telefono di qualcun altro per scattare foto e poi rispedirlo a te stesso e pubblicarlo su Facebook.

È una fondamentale mancanza di rispetto per gli altri che hai dimostrato.

Il pubblico ministero Pam McCluskey ha osservato che un medico, durante una valutazione psichiatrica pre-sentenza, ha detto che Preston parla di sentirsi dispiaciuto per se stesso.

Preston era agli arresti domiciliari prima dell'udienza di condanna. Ha violato le condizioni del suo arresto tre volte e due volte non si è presentato in tribunale.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia