Seleziona una pagina

Un rivenditore di abbigliamento online con sede nello Utah ha suscitato indignazione per aver commercializzato i propri vestiti con l'hashtag #WhiteGirlsWearMexican.

L'azienda di abbigliamento Mexitrend, fondata da due sorelle americane, è specializzata nell'acquisto di vestiti, coperte e altri prodotti dal Messico e nella vendita degli articoli ad acquirenti americani.

Tuttavia, il marketing dell'azienda ha suscitato polemiche per l'appropriazione culturale dei negozi, l'uso di modelli esclusivamente bianchi e il nome che riduce la cultura messicana a una semplice tendenza alla moda.

I critici chiamano Mexitrend sordo per le pubblicità che glorificano l'abbigliamento culturale sui corpi bianchi e degradano i messicani a queste persone che vivono in umili baracche, secondo Chron.

Il negozio di abbigliamento online dello Utah Mexitrend è stato preso di mira dopo aver lanciato il suo hashtag #WhiteGirlsWearMexican mentre vendeva abiti tradizionali messicani

L'abbigliamento è commercializzato con una varietà di hashtag tra cui l'offensivo #WhiteGirlsWearMexican, nella foto sopra in un post di marzo

Il negozio vende una varietà di coperte e abiti acquistati in Messico a un mercato di donne bianche, il controverso hashtag raffigurato nella didascalia, a destra

L'azienda è stata fondata da Kimberly Claybaugh Jonas, a destra, e sua sorella, a sinistra. Il duo ha condiviso questo post su Mextrend Instagram per condividere come è iniziata l'azienda

I critici indignati di Mexitrend affermano che l'azienda americana, con sede nello Utah, guidata da Kimberly Claybaugh Jonas e sua sorella, sta traendo profitto dai prodotti, dallo stile e dalla cultura messicani, un'eredità che non è la loro.

L'appropriazione culturale è quando una cultura dominante adotta tratti di una cultura minoritaria, senza sensibilità o rispetto per la cultura che viene cooptata.

Polemiche come Rachel Dolezal che afferma di essere nera, Katy Perry che indossa le treccine in un video musicale, modelle di Victoria Secret che si pavoneggiano sulla passerella con copricapi dei nativi americani e costumi stereotipati razziali di Halloween sono tutti esempi di appropriazione culturale.

Jonas, tuttavia, non crede che la sua compagnia abbia commesso qualcosa di culturalmente offensivo.

Stavano vendendo ai bianchi, ha detto il marito di Jonas John a suo nome a Chron.

Meno persone comprerebbero se il vestito fosse su un modello messicano, è uno stile di vita, vedi persone simili a te, è così che lavorano tutti, ha detto.

Ha aggiunto: Le persone acquistano da persone simili a loro. Non erano razzisti. Ho un ragazzo dal Messico che mangia con me ogni giorno.

Lo stesso Jonas gestisce un'azienda che aiuta le aziende a esternalizzare il lavoro nelle Filippine con lo slogan La vita è migliore con i filippini che lavorano per te.

Ha aggiunto che Mexitrend ha due mesi e che lui e sua moglie non avevano mai sentito parlare della frase appropriazione culturale prima di avviare l'attività.

Cercano solo qualcosa che non è di loro gradimento e attaccano. A loro piace solo fare il prepotente con le persone. La maggior parte di ciò che è stato diretto contro di noi è bullismo meschino. Proviene da account Instagram falsi che non provengono da persone reali, ha detto.

Molti utenti, tuttavia, non condividono l'opinione di Jonas.

Jonas, nella foto a destra, posa con indosso un sombrero e una chitarra ed è criticato per aver stereotipato e appropriarsi della cultura messicana

Le sorelle, nella foto sopra, sono state criticate per appropriazione culturale e per aver diretto la loro campagna di marketing verso un pubblico esclusivamente bianco. Sono stati accusati di avere il complesso del salvatore bianco

Gli utenti dei social media descrivono l'approccio delle famiglie mormoni nel trattare con altre culture come un complesso di salvatori bianchi.

Diversi acquirenti hanno chiesto il boicottaggio dell'azienda dopo aver visto il suo hashtag #WhiteGirlsWearMexican che rivela un mercato target di acquirenti bianchi per l'abbigliamento culturalmente latino, secondo Express News.

Esmeralda De Los Santos, professoressa di marketing presso l'Università del Verbo Incarnato, ha soprannominato l'hashtag della ragazza bianca dell'azienda come condiscendente e condiscendente.

Suggerisce una superiorità di un gruppo di persone rispetto a un altro, motivo per cui è sgradevole, ha detto a Cron.

In un post sull'Instagram di Mexitrend le sorelle spiegano come hanno fondato l'azienda.

Ci siamo innamorati delle file e delle file di belle merci che venivano commercializzate e vendute a turisti di ogni provenienza. I venditori ci hanno implorato di acquistare da loro. I nostri cuori desideravano un modo per aiutarli. Abbiamo parlato con alcuni di loro delle loro vite, famiglie, negozi e prodotti. Abbiamo chiesto se fossero disposti a collaborare con noi, vendendo i loro prodotti negli Stati Uniti, SONO STATI EMOZIONATI! diceva il post.

Sfortunatamente, poiché dovevamo iniziare questa parte dei nostri sforzi, siamo stati brutalmente attaccati e insultati con parolacce nei confronti di noi, delle nostre famiglie e di altri che ci stanno sostenendo. Siamo rimasti sorpresi e delusi quando siamo stati attaccati e accusati di rubare ai poveri e di appropriazione culturale. La nostra reazione è stata quella di bloccare il linguaggio volgare e gli insulti, ha aggiunto.

Non erano razzisti: il marito di Jonas John, di sinistra, ha affermato che la coppia non è razzista e ha ammesso che la coppia non ha mai sentito la frase appropriazione culturale prima di avviare Mexitrend

Parlando del motivo per cui l'azienda utilizza solo modelli bianchi e hashtag bianchi, John ha detto: Meno persone comprerebbero se l'abito fosse su un modello messicano, è una cosa da stile di vita

Un utente indignato ha scritto su Instagram: Questi abiti e questi modelli non appartengono a voi ragazzi. Per favore, smettila di trarre profitto dalla cultura messicana

I loro post sono stati bombardati da una serie di commenti di rimprovero.

Questi abiti e disegni non appartengono a voi ragazzi. Per favore, smettila di trarre profitto dalla cultura messicana, ha commentato un utente di Instagram indignato sulla pagina dell'azienda.

Quindi vanno in Messico. Ruba la cultura messicana, poi la sovraprezzo e la vendi??? un altro ha scritto.

Questa non è una tendenza prima di tutto, quindi hanno fatto il clapback con non solo i messicani che indossano questi vestiti, ma non hanno nemmeno uno dei nostri nella pubblicità. un terzo ha scritto.

Se piacciono a tutte le razze, allora dovrebbero esserci afroamericani e donne/uomini latini a modellare i vestiti, non credi? Anche i messicani hanno iniziato questo come parte della NOSTRA cultura e stai cercando di renderlo trendy/alla moda quando questo è ciò contro cui stiamo lavorando per mantenere le nostre radici. Trarre profitto dai nostri valori, norme e cultura dovrebbe essere qualcosa a cui pensare, ha detto un altro utente di Instagram.

Quando odi e prendi in giro i messicani ma rubi la loro cultura, ha scritto un utente.

WhitegirlswearMessicano?!!! Sul serio?!!! La mia cultura non è una moda e questo è oltre l'offensivo!! un altro aggiunto.

Alla luce del contraccolpo, la società ha cancellato molti dei suoi post o modificato le didascalie, tuttavia alcuni portano ancora il controverso hashtag.

I prezzi dei vestiti sono di $ 30 per le coperte e $ 45 per i vestiti.

Le sorelle affermano che la loro attività sostiene le comunità in Messico e le famiglie dei venditori, tuttavia le specifiche di quel modello di business non sono chiare.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia