Seleziona una pagina

Il presidente Trump viene sbattuto da una delle pochissime persone al mondo che sa anche com'è essere sia un miliardario che un bancarotta.

In un'intervista con Town & Country, la socialite Patricia Kluge afferma che il presidente Trump è un bugiardo che produce vino scadente, due affermazioni che sicuramente infastidiranno il comandante in capo.

Quella seconda affermazione è un po' uno shock proveniente da Kluge, poiché Trump Winery è prodotto nel vigneto che ha costruito per due decenni a Charlottesville, in Virginia.

Al giorno d'oggi non sembra essere poi così sentimentale riguardo alla vigna, offrendo una valutazione molto schietta e anche puntuale della grappa che porta il nome Trump.

Il vino non è più buono, dice Kluge.

Non si è fermata nemmeno qui, notando verso la fine dell'intervista: ho avuto diverse persone a Palm Beach che si sono lamentate del fatto che è l'unico vino che hanno nel menu di Mar-a-Lago.

Questo è il vino che parla: Patricia Kluge prende di mira il vino omonimo del presidente Trump in un'intervista a Town & Country, dicendo: non va più bene (coppia sopra nel 2011 all'inaugurazione di Trump Vineyard Estates)

Decantare questo: ho avuto diverse persone a Palm Beach lamentarsi del fatto che è l'unico vino che hanno nel menu di Mar-a-Lago, ha aggiunto Kluge (sopra con il terzo marito Bill Moses)

Il presidente Trump è stato entusiasta del suo vino diverse volte in passato

Martedì, il presidente Donald Trump si è preso del tempo in una conferenza stampa sulle infrastrutture che si è trasformata in un avanti e indietro con i media sui disordini razziali in Virginia per parlare dell'azienda vinicola che possiede a Charlottesville.

Trump Winery è una delle più grandi aziende vinicole degli Stati Uniti, ha detto il presidente ai presenti alla Trump Tower di New York City, lasciando perplessi data la natura seria dell'argomento in discussione.

A parte questo era anche di fatto errato, con il vigneto di 1.300 acri sminuito in termini di dimensioni da artisti del calibro di E. & J. Gallo in California (23.000 acri) e

Le 36.000 casse di vino che Trump Winery produce ogni anno sono anche molto inferiori a quelle di Pindar Vineyards (100.000 casse all'anno) e Wolffer Estate (37.500 casse all'anno) a Long Island.

Qualcuno sa che possiedo una casa a Charlottesville? Oh ragazzo. È a Charlottesville, vedrai, ha detto il presidente Trump durante il .

È la cantina. So molto di Charlottesville. Charlottesville è un posto fantastico che è stato gravemente ferito negli ultimi due giorni. Ma possiedo, in realtà, una delle più grandi aziende vinicole degli Stati Uniti. È a Charlottesville.

Mente molto, e lo sa, e lo sanno tutti, ma non riesce a trattenersi, ha spiegato Kluge.

Tutti noi che conosciamo Donald a New York da molto tempo lo sappiamo da sempre e devi trovare un modo per aggirarlo perché fa parte del suo trucco.

E anche Kluge ha avuto alcune cose positive da dire nella sua intervista, in particolare su come Eric Trump fa un ottimo lavoro con la manutenzione mentre gestisce il vigneto, che è a suo nome.

Il vigneto ha un aspetto assolutamente favoloso e tutto sembra lucido, ha detto Kluge.

Ha anche ammesso di non aver mai avuto una relazione fratturata con il presidente Trump, anche sulla scia degli incidenti accaduti sei anni fa quando ha venduto la sua vigna.

Non così yuge dice Kluge: l'intervista arriva tre giorni dopo che il presidente Trump ha dichiarato falsamente che la sua vigna era la più grande degli Stati Uniti durante una discussione sulle tensioni razziali

Kluge divenne noto come il divorziato più ricco della storia dopo un accordo di $ 100 milioni dal barone dei media John Kluge nel 1990, ma fece esplodere la fortuna costruendo una sontuosa tenuta e una cantina.

Quando l'azienda ha lottato per rimettersi in piedi, Kluge è stata costretta a dichiarare bancarotta nel giugno 2011. Trump è intervenuto e ha sborsato 6,2 milioni di dollari per il vigneto all'asta.

Kluge, un'amica di lunga data dei Trump, è stata nominata vicepresidente delle operazioni nel vigneto, ma poi le è stato detto che non era più necessaria a tempo pieno.

Il suo dumping senza tante cerimonie è avvenuto anche se la Trump Vineyard Estates precedentemente nota come Kluge Estate Vineyard ha vinto premi per il suo vino mentre Kluge ha lavorato nel suo team.

Prima del pignoramento, Trump ha pagato $ 500.000 per 200 acri intorno alla villa. Nel tentativo di mettere le mani sulla casa, l'accordo includeva il prato e il vialetto.

Ma quando Trump ha fatto un'offerta per la casa, che era stata in vendita per $ 100 milioni, per soli $ 3,6 milioni alla sua asta di preclusione, la Bank of America ha rifiutato e l'ha riacquistata per $ 15,3 milioni.

Ha intentato una causa contro la banca per rivendicare la proprietà, che vuole convertire in un hotel di lusso. Il contenzioso è in corso.

Il presidente Trump aveva affermato che nessun altro avrebbe voluto acquistare la sontuosa Albemarle House neo-georgiana di 45 stanze poiché possiede il cortile anteriore, la maggior parte del vialetto e del cortile sul retro.

Kluge, che ora è sposata con il suo terzo marito, era proprietaria della casa da quando l'ha acquistata come parte del suo divorzio eccezionale dal miliardario Metromedia John Kluge nel 1990.

La casa è stata progettata secondo un maniero di campagna inglese del 18° secolo con giardini multilivello, fontane, una piscina e una rustica cabina per gli ospiti.

Ha anche una spa, home theatre, una cantina di 3.500 bottiglie e un salotto di 2.000 piedi quadrati.

La Kluge, di origine britannica, che era una spogliarellista e ha recitato nel film per adulti The Nine Acres of Nakedness, è diventata nota come l'ospite di feste stravaganti a cui hanno partecipato ricchi e famosi negli anni '80.

Ha ospitato eventi opulenti per reali, capi aziendali, celebrità e personaggi letterari a casa