Seleziona una pagina

Nathaniel Anthony Ayers è un prodigio musicale che stava per diventare uno dei migliori negli Stati Uniti quando il suo mondo è stato sconvolto all'inizio degli anni '70 dopo che gli è stata diagnosticata la schizofrenia (nella foto sopra a Long Beach nel 2016)

Nathaniel Anthony Ayers era sul punto di diventare uno dei migliori musicisti degli Stati Uniti quando il suo mondo è stato sconvolto.

Un prodigio della musica, ha iniziato a suonare il contrabbasso all'età di 13 anni prima di ricevere una borsa di studio completa alla prestigiosa Juilliard School, dove si è dedicato a diversi strumenti. Ma è stato mentre realizzava il suo sogno a New York City, ha avuto un esaurimento nervoso durante il suo primo anno ed è stato ricoverato all'inizio degli anni '70.

Ayers è stato costretto a tornare nella sua casa di famiglia a Cleveland, dove ha subito una serie di trattamenti nel corso degli anni, inclusa la controversa terapia con scosse elettriche.

Dopo la morte della madre nel 2000, si trasferì a Los Angeles in cerca di suo padre, ma Ayers finì per vivere per le strade di Skid Row dove lo si poteva trovare spesso a suonare il violino o il contrabbasso perché amava la musica.

È stata quella passione per la musica che ha portato a uno dei più grandi cambiamenti nella sua vita dai tempi di Julliard.

Il violinista classico fece amicizia con un editorialista i cui scritti su Ayers furono trasformati in un libro. È diventato un bestseller del New York Times ed è stato adattato in un film con Jamie Foxx e Robert Downey Jr. quasi 10 anni fa. Improvvisamente Ayers era un nome familiare ed è stato persino invitato alla Casa Bianca dove ha incontrato l'allora presidente Barack Obama durante la celebrazione dei 20 anni dell'Americans with Disabilities Act.

Tutto sembrava essere in crescita per Ayers, che aveva passato più anni della sua vita a lottare che no. Hollywood aveva promesso di aiutare il prodigio musicale e arrivò persino a descriverlo come una famiglia. Ma ora, quasi 10 anni dopo, sua sorella, Jennifer Ayers-Moore, ha detto a DailyMail.com che l'aiuto è svanito.

Ayers si è trasferito a Los Angeles dopo la morte di sua madre nel 2000. Era un senzatetto per le strade di Skid Row (nella foto nel 2013) dove suonava strumenti. Nel 2005 ha stretto amicizia con un editorialista i cui scritti su Ayers sono stati trasformati in un libro

È diventato un bestseller del New York Times ed è stato adattato in un film, The Soloist, con Jamie Foxx e Robert Downey Jr. quasi 10 anni fa. Il violinista classico era un nome familiare ed è stato persino invitato alla Casa Bianca dove ha incontrato l'allora presidente Barack Obama durante la celebrazione dei 20 anni dell'Americans with Disabilities Act (proprio nel 2010)

Tutto sembrava essere in crescita per Ayers, che aveva passato più anni della sua vita a lottare che no. Hollywood aveva promesso di aiutare il prodigio musicale e arrivò persino a descriverlo come una famiglia. Ma ora, quasi 10 anni dopo, sua sorella, Jennifer Ayers-Moore (insieme sopra nel 2016), ha detto a DailyMail.com che l'aiuto è svanito, ma suo fratello è al sicuro e fuori dalle strade

Ho avuto un sacco di persone che cercavano di aiutarmi quando tutto questo era di moda a Hollywood, ma sfortunatamente, man mano che se ne va, lo fanno anche le persone, dice, con la voce incrinata. Si ferma prima di aggiungere: I produttori erano tipo oh, erano una famiglia ora e non so nemmeno dove siano.

Mi aspettavo davvero che svanisse, dopotutto ho una vera famiglia di cui non ho notizie. Non so se Hollywood ottiene ciò che il film ha davvero fatto per MOLTE persone.

Sento ancora persone che cercano di parlare di salute mentale per questo motivo, per se stesse o per qualcuno che conoscono. Posso solo sperare che Hollywood capisca che non sta andando via e li ringrazio per questo.

Continua a lottare con la salute mentale ma è fuori strada, è al sicuro e curato e continua a vedere il suo amico editorialista una volta alla settimana.

Suo fratello, l'unico maschio in una casa di tre sorelle, era molto studioso e ha imparato uno strumento per la prima volta in seconda media quando il suo istruttore di musica, il signor Moon, lo ha introdotto alla musica classica, dice.

Ayers, che sfoggiava sempre abiti di prim'ordine e amava essere alla moda, provò dapprima a suonare la tuba, ma lo strumento in ottone non gli interessava. Invece, ha preso subito in simpatia il contrabbasso e si è innamorato degli strumenti a corda.

È lì che è iniziata la sua passione per la musica classica e altri hanno visto i primi segni che era sull'orlo di qualcosa di straordinario.

Progredì così velocemente che il suo insegnante lo indirizzò al Cleveland Music Settlement, dove ricevette la migliore istruzione musicale della città.

Riconoscendo il suo potenziale, Ayers ha ricevuto una borsa di studio completa per la musica alla Ohio University. Durante il suo primo anno, ha deciso che voleva davvero frequentare il miglior college per perfezionare il suo mestiere Juilliard. Dopo un'audizione, non solo è stato accettato, ma ha anche offerto una borsa di studio completa per il suo straordinario talento musicale.

Ayers ha iniziato a suonare il contrabbasso mentre era in prima media e ha progredito rapidamente all'apprendimento di altri strumenti. Si è diplomato al liceo e ha continuato a frequentare la Ohio University (sopra il centro all'inizio degli anni '70) con una borsa di studio completa

Ma Ayers desiderava davvero frequentare la Juilliard School, quindi fece un provino e fu accettato con una borsa di studio completa. Ma durante il suo terzo anno alla Julliard, ebbe un esaurimento nervoso e tornò a Cleveland (soprattutto nel 1995 con i suoi nipoti). Gli fu diagnosticato uno schizofrenico e fu sottoposto a diversi trattamenti, inclusa la terapia con scosse elettriche

Ma dopo la morte di sua madre nel 2000, si è trasferito a Los Angeles per trovare suo padre, ma ha finito per vivere senza casa a Skid Row. Lo si poteva trovare spesso a Pershing Square vicino alla statua di Beethoven mentre suonava il violino (sopra negli anni 2000)

Uno dei pochi studenti neri che frequentavano la Juilliard School nei primi anni '70, Ayers suonava contrabbasso, violino, pianoforte, batteria, tromba e altro ancora.

Dall'esterno, sembrava che tutto stesse andando alla perfezione quando è entrato nel suo secondo anno alla Juilliard, ma le cose sono cambiate rapidamente.

Il talentuoso artista ha sofferto di un esaurimento nervoso ed è stato ricoverato in istituto spingendo sua madre e sua sorella a viaggiare da Cleveland e andarlo a prendere a New York.

Sua sorella ricorda il momento in cui lo ha visto per la prima volta dopo che lei e la madre hanno viaggiato da Cleveland a New York per prenderlo: è uscito dall'appartamento con un vecchio maglione addosso, non si abbinava, i suoi pantaloni erano larghi e sai aveva solo questo smalto negli occhi.

Niente di tutto ciò corrispondeva alla persona che ho visto partire per New York.

Un giorno era il Nathaniel con cui sono cresciuto e il giorno dopo era qualcuno che non conoscevo affatto. Non era niente per cui potevo prepararmi, del tutto inaspettato.

Ayers è tornato a Cleveland con la sua famiglia, che ha immediatamente cercato diverse cure nel tentativo di aiutarlo.

I trattamenti includevano diverse prescrizioni, terapia, consulenza e persino la controversa terapia con scosse elettriche.

È lì che Ayers (sopra negli anni 2000) ha incontrato l'editorialista del LA Times Steve Lopez, che ha scritto diversi articoli su di lui che sono stati trasformati in un libro che è stato un best seller del New York Times

Il libro è stato poi adattato nel film del 2009, The Soloist, con Jamie Foxx (a destra) e Robert Downey Jr. (a sinistra)

Ricordo molto, molto distintamente come appariva quando è uscito dopo essere rimasto scioccato. È uscito come se fosse stordito e non se stesso affatto. Non dimenticherò mai quel giorno.

Nonostante abbia visto un certo numero di medici e sia stato sottoposto all'ampia gamma di opzioni di trattamento, nulla sembrava aiutare Ayers, a cui è stata diagnosticata la schizofrenia.

Credevo solo che ogni singolo giorno mi sarei svegliato e lui sarebbe stato il ragazzo che conoscevo prima che si ammalasse. Speravo solo che funzionasse in quel modo, sarebbe tornato dal ragazzo che sapevo si stava divertendo, mi avrebbe insegnato cose, mi avrebbe lasciato correre, giocare a palla con lui o qualsiasi altra cosa.

Ma non è mai successo, ovviamente. Ho visto le difficoltà che ha attraversato mia madre, non aveva nessuno con cui aiutare o parlare.

Il talentuoso musicista fu infine accettato alla Ohio State University dove si unì all'orchestra. Ma la sua salute gli ha impedito di laurearsi.

Dopo la morte della madre nel 2000, Ayers è andato alla ricerca di suo padre a Los Angeles, ma non è andata come aveva pianificato e ha colpito uno dei momenti più bassi della sua vita.

Per i successivi cinque anni, è stato un senzatetto per le strade di Skid Row e solo apparentemente ha trovato conforto suonando musica.

Ayers (al centro della premiere di Los Angeles nel 2009) è stato messo sotto i riflettori e accompagnato in diversi viaggi da sua sorella (a destra) che all'epoca era la sua restauratrice. Ha anche creato la Nathaniel Anthony Ayers Foundation per sensibilizzare il pubblico sulla salute mentale

Durante un incontro casuale a Pershing Square, Ayers ha incontrato l'editorialista del Los Angeles Times Steve Lopez, che ha appreso degli alti e bassi della vita di Ayers mentre ha stretto un'improbabile amicizia.

Lopez ha raccontato la lotta di Ayers in numerose colonne che ha scritto per il Times che abbastanza presto ha ispirato i suoi lettori a inviare gli strumenti del musicista.

Il giornalista ha deciso di pubblicare un libro su Ayers intitolato Il solista: un sogno perduto, un'amicizia improbabile e il potere redentore della musica. Il libro, un best seller del New York Times, è stato adattato nel film del 2009 The Soloist con Jamie Foxx nei panni di Ayers e Robert Downey Jr nei panni di Lopez.

Ayers è stato messo sotto i riflettori e accompagnato in diversi viaggi da sua sorella, che all'epoca era la sua restauratrice. Ha anche creato la Nathaniel Anthony Ayers Foundation (NAAF) per sensibilizzare il pubblico sulla salute mentale e aiutare le famiglie che cercano sostegno per una persona cara che soffre di malattie mentali.

Ayers-Moore, che vive ad Atlanta, in Georgia e sta lavorando per rinnovare la fondazione mentre scrive sul suo blog, ha detto che al momento del film non si rendeva conto di quanto fosse importante perché né lei né suo fratello avevano mai avuto contatti con l'industria dello spettacolo.

Di suo fratello, Ayers-Moore ha detto: Anche se ha una malattia, è un ragazzo eccezionale. E quel film, il libro e gli articoli gli hanno dato l'opportunità di essere trattato bene come un essere umano. Ama essere rispettato così tanto. Ayers è raffigurato sopra sul set nel 2009

In retrospettiva, lo guardo come se fossi stato messo in una situazione con loro sapendo che non conoscevo il gergo di Hollywood, ha detto Ayers-Moore dello staff e dei produttori che lavorano al film.

Ha aggiunto che anche se ha aiutato suo fratello, ora avrebbe fatto le cose in modo completamente diverso.

Ero nervoso, ma allo stesso tempo molto felice che qualcuno volesse aiutare mio fratello, Ayers-Moore, che è un sostenitore della salute mentale, ha dichiarato. Ha ricevuto molta attenzione in modo positivo, il che è tutto ciò che ha sempre voluto essere rispettato per quello che è come persona.

Anche se ha una malattia, è un bravo ragazzo. E quel film, il libro e gli articoli gli hanno dato l'opportunità di essere trattato bene come un essere umano.

Ayers non vive più per strada e attualmente vive in una struttura di Los Angeles dove è al sicuro, ha accesso a medici, terapie e spesso può essere trovato a suonare uno dei numerosi strumenti.

Nonostante il suo mondo sia stato sconvolto così tante volte, Ayers-Moore dice che suo fratello ha ancora tanta compassione per le altre persone.

Ama essere rispettato così tanto, ha condiviso. Non riesco a credere che sia l'unica persona in questo mondo che vuole quel tipo di rispetto, non lo è. Il rispetto che ha ricevuto lo ha aiutato a cambiarlo e a renderlo una persona migliore.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia