Seleziona una pagina

I funzionari del Texas che indagano sulla morte di una cheerleader di 14 anni hanno rilasciato una nota di suicidio scritta dal suo presunto assassino, in cui professava il suo amore per la vittima e puntava il dito contro un misterioso intruso.

Lo studente della Silsbee High School Tristan Dilley è stato trovato mortalmente colpito alla testa nella sua casa di Buna, in Texas, il 1 ottobre.

Il giorno seguente, il principale sospettato della morte di Dilles, il diciannovenne Paul Adams, si è tolto la vita, forse con la stessa pistola usata per l'uccisione delle ragazze, mentre gli agenti dello sceriffo della contea di Jasper si sono chiusi nel suo accampamento in una zona boscosa fuori. Vidor.

Martedì, lo sceriffo della contea di Jasper Mitchell Newman ha rivelato ai media che una ricerca nella tenda e nell'auto di Adams ha prodotto strumenti di sopravvivenza, un'accetta, una corda e più paia di manette.

Tra gli oggetti scoperti nell'accampamento di Adams c'era un biglietto d'addio scritto a mano, che sarebbe stato trovato appoggiato sopra una scatola di iPhone e appesantito con un coltello, secondo la Beaumont Enterprise. Sulla lettera erano apposti fiori gialli e lavanda.

Questa è la nota di suicidio lasciata dal sospetto di omicidio Paul Adams, 19 anni, il giorno dopo l'uccisione del quattordicenne Tristan Dilley

Indagine sull'omicidio: Paul Audrey Adams (a destra), 19 anni, è stato identificato come l'ultima persona che ha parlato con il quattordicenne Tristan Dilley (a sinistra), una cheerleader del liceo

So cosa stai pensando ma non l'ho uccisa, ha scritto il sospettato di omicidio. Ho amato Tristano con tutto il mio cuore.

Confermando le speculazioni secondo cui lui e Dilley avevano una relazione segreta, Adams ha detto che si sono intrufolati a causa della loro differenza di età, ma ha insistito sul fatto che i due si preoccupassero profondamente l'uno dell'altro.

Passando agli eventi del 1 ottobre, Adams ha scritto di essere venuto a casa di Dilley per vederla prima del suo compleanno, ma sono stati interrotti poche ore dopo la sua visita.

Pensavamo fossero i suoi genitori, ma era un uomo, ha affermato Adams. Sembrava sulla cinquantina, indossava blue jeans e un cappellino da baseball dei Boston Red Sox.

LETTERA DI SUICIDIO DI PAUL ADAMS:

Una foto della nota scritta a mano di Adams

So cosa stai pensando, ma non l'ho uccisa. Ho amato Tristano con tutto il mio cuore. So che non avremmo dovuto sgattaiolare in giro, ma so anche che ha 14 anni e io ne ho 19, ma per noi non importava. Ci tenevamo profondamente. Presto sarebbe stato il suo compleanno e volevamo solo vederci. Quando sono arrivata a casa sua è andato tutto bene per qualche ora, ma poi abbiamo sentito entrare qualcuno. Pensavamo fossero i suoi genitori, invece era un uomo. Sembrava sulla cinquantina, indossava blue jeans e un cappellino da baseball dei Boston Red Sox. Pensando che fossero i suoi genitori, mi sono nascosta in bagno, ma ho capito che non erano i suoi genitori quando Tristan ha iniziato a urlare. Non ho visto cosa è successo, ma credo che sia stata (aggredita) perché continuava a urlargli di togliersi di dosso e io sono rimasto a guardare. Volevo provare ad aiutarla, ma lui la stava minacciando con una pistola. Sapevo che se avessi provato qualcosa avrebbe sparato anche a me, ma se avessi saputo ora quello che sapevo dopo che era successo tutto avrei dato la mia vita per cercare di salvarla.

Ora è tutto successo, sento che sarà solo meglio porre fine alla mia vita. Non posso vivere sapendo di essere troppo codardo per fare qualcosa al riguardo. Non conosco nemmeno i nomi dei genitori di Tristan, ma mi dispiace così tanto che sia successo. Farei di tutto per tornare indietro e fermarlo, se potessi. Mamma, ti amo con tutto il cuore, eri la migliore mamma che chiunque potesse desiderare. Vorrei poter finire il college e trovare un lavoro con una buona famiglia, ma ora le cose non saranno più le stesse. Sento che mi riterranno responsabile e dopo aver visto così tanti spettacoli di Lock-Up, preferirei morire piuttosto che essere rinchiuso in una gabbia per tutta la vita. Anche io ho tante domande. Perché è successo a noi? Ma immagino che l'universo sia pieno di sorprese. Sì, ho paura di morire, ma l'alternativa al rimanere in vita sembra senza speranza. Spero solo che la mia morte sia rapida.

Credo che Tristan sia morto sul colpo. Ricordo solo di aver sentito due spari e poi il silenzio. Quando ho guardato nella sua stanza, tutto ciò che potevo vedere era un corpo perfettamente immobile e un'enorme pozza di sangue. Non sapevo cosa fare oltre a correre, ma anche correre da qualcosa del genere è inutile. Il mio unico desiderio è di essere cremato e voglio che tutti i miei averi vadano ai miei genitori. So che la gente penserà che l'ho uccisa o che sono stato responsabile per aver permesso che accadesse, ma so cosa è successo. Mi sentivo come una goccia d'acqua in tutti gli oceani. Avrei voluto urlare ma nessuna parola poteva uscire. Era come se mi mancasse il respiro.

Pensando che fossero i genitori di Dilley, Adams ha detto di essersi nascosto in bagno, ma si è reso conto che qualcosa non andava quando ha sentito la ragazza di 14 anni urlare.

Ha continuato dicendo che, sebbene non abbia assistito a quello che è successo, credeva che Tristan fosse stato aggredito perché continuava a urlargli di togliersi di dosso e io sono rimasto a guardare, ha detto. Volevo provare ad aiutarla, ma lui la stava minacciando con una pistola.

L'uomo di 19 anni ha aggiunto che se avesse saputo allora che Tristan sarebbe stato ucciso, avrei dato [sic] la mia vita per cercare di salvarla.

Riguardo alla sua decisione di suicidarsi, Adams ha spiegato che non può vivere sapendo che sono troppo codardo per fare qualcosa al riguardo. Farei qualsiasi cosa per tornare indietro e fermarlo se potessi.

Rivolgendosi a sua madre, Adams scrisse: Mamma, ti amo con tutto il cuore, eri la migliore mamma che chiunque potesse chiedere.

Vorrei poter finire il college e trovare un lavoro con una buona famiglia, ma ora le cose non saranno più le stesse.

nella sua nota, Adams ha espresso preoccupazione per il fatto che, se sopravvive, sarà ritenuto responsabile della morte di Tristans e afferma che, dopo aver visto la serie di documentari sulla prigione della MSNBC Lockup, preferirebbe morire piuttosto che essere rinchiuso in una gabbia per il resto dei suoi vita.

Strumenti sinistri: i deputati del Texas hanno scoperto una collezione di strumenti all'interno della tenda di Adams dopo il suo suicidio, inclusa questa accetta

Tra i beni di Adam c'era questo revolver, ma non è chiaro se fosse l'arma del delitto

Il 19enne sospettato di aver sparato a Dilley aveva acquistato otto paia di manette

Una scatola di corda è stata recuperata dal campo improvvisato di Adams nei boschi al confine tra Texas e Louisiana dopo la morte di Dilley e il suo stesso suicidio

Le prove includevano anche questi manubri comunemente usati nel sollevamento pesi

Sì, ho paura di morire, ma l'alternativa al rimanere in vita sembra senza speranza, ha scritto. Spero solo che la mia morte sia rapida.

Tornando alla morte di Dilley, Adams ha detto di ricordare di aver sentito due spari, seguiti dal silenzio.

Quando ho guardato nella sua stanza, tutto ciò che potevo vedere era un corpo perfettamente immobile e un'enorme pozza di sangue, ha raccontato.

So che la gente penserà che l'ho uccisa o che sono stato responsabile per aver permesso che accadesse, ma so cosa è successo.

Adams ha concluso il suo testamento finale diventando poetico.

Mi sentivo come una goccia d'acqua in tutti gli oceani. Avrei voluto urlare ma nessuna parola poteva uscire. Era come se mi mancasse il respiro.

Secondo lo sceriffo della contea di Jasper Mitchell Neman, una ricerca nella tenda di Adams ha portato alla luce un'accetta, una corda, sacchi di iuta, otto paia di manette, manubri, acqua in bottiglia, un kit per la purificazione dell'acqua, forniture alimentari, un libro sull'anatomia umana e $ 577 in contanti .

Non abbiamo idea di cosa avesse intenzione di fare con loro, disse lo sceriffo alla Beaumont-Enterprise.

Mitchell ha ipotizzato che Adams stesse forse progettando di smembrare la studentessa della Silsbee High School e di smaltire le sue parti del corpo in un canale.

Un'indagine ha scoperto che Adams aveva acquistato gli strumenti e le forniture in un vicino Walmart il 28 settembre, tre giorni prima che Tristan Dilleys sparasse alla morte.

Ben preparato: la polizia afferma che Adams aveva fatto scorta di pasti pronti in stile militare (nella foto)

I deputati hanno recuperato più di $ 500 in contanti dopo che Adams si è ucciso mentre si avvicinavano

Nel campo sono state trovate anche casse di acqua in bottiglia e un kit per la purificazione dell'acqua

Il filmato di sorveglianza ottenuto dal negozio Vidor ha catturato Adams che faceva acquisti lì.

Una revisione del contenuto del telefono di Dilleys ha rivelato numerosi messaggi di testo che l'adolescente aveva scambiato con Adams nei giorni precedenti la sua morte, suggerendo che la quattordicenne avesse una relazione segreta con l'uomo più anziano.

Il giorno della sua uccisione, Dilley è rimasta a casa, dicendo che era troppo stanca per fare shopping con la sua famiglia e voleva riposarsi da un ballo a scuola la sera prima.

Quando la famiglia è tornata, sua madre le ha urlato contro e quando lei non ha risposto, ha detto a suo fratello di andare di sopra e svegliarla, ha detto Newman.

Fu allora che il ragazzo di 13 anni fece una macabra scoperta.

Newman ha detto che la ragazza è stata trovata in una stanza al secondo piano con due ferite da arma da fuoco alla testa.

La famiglia di un'adolescente di Silsbee pensava che stesse ancora dormendo quando l'hanno controllata per la prima volta, ma in seguito ha fatto un'orribile scoperta quando è stata trovata a letto a colpi di arma da fuoco domenica sera

Quando gli investigatori hanno perquisito i tabulati telefonici, hanno scoperto che Adams aveva 19 anni e non 16 come credeva la famiglia Dilleys

Adams ha acquistato tutte le forniture, inclusa questa tenda, in un Walmart, tre giorni prima che Dilley fosse trovata uccisa a colpi di arma da fuoco a casa sua

Il filmato di sorveglianza ottenuto dal negozio Vidor ha catturato Adams che faceva acquisti lì

Le autorità hanno notato che non c'era alcun ingresso forzato in casa né segni di lotta in nessuna parte della casa, portando gli investigatori a concludere che Dilley molto probabilmente conosceva l'assassino.

Quando gli investigatori hanno perquisito il suo telefono, hanno scoperto che una persona di nome Adam era l'ultima persona ad essere in contatto con Dilley.

La famiglia ha confermato che Dilley ha parlato di un ragazzo di 16 anni con il quale ha iniziato a comunicare.

Gli investigatori in seguito hanno cercato nei tabulati telefonici e hanno scoperto che Dilley stava effettivamente parlando con Paul Adams.

Da quello che abbiamo potuto capire, stavano cercando di vedersi quando sua madre se n'era andata, ha detto Newman.

Poco dopo, le autorità hanno deciso di rintracciare il cellulare di Adams per localizzarlo.

Successivamente è stato eseguito il ping in un'area boscosa nella contea di Orange situata al confine tra Texas e Louisiana.

Lunedì, i deputati dello sceriffo della contea di Jasper sono stati in grado di rintracciare la posizione di Adams in un tratto appartato di FM 1135 a Orange County (nella foto: Memorial tenuto per Tristan Dilley)

Una perquisizione notturna non è riuscita a rintracciare Adams, ma le autorità hanno preso una pausa quando lunedì mattina ha chiamato sua madre mentre la polizia era venuta a interrogarla a casa sua.

Sebbene Adams abbia ammesso di essere stato a casa di Dilley la notte dell'omicidio, ha affermato di non essere stato lui a spararle, ha detto Newman.

Invece, Adams ha affermato che un intruso era responsabile della morte di Dilley e che è scappato dalla residenza perché era spaventato.

Secondo l'Enterprise, gli agenti dello sceriffo della contea di Jasper sono stati in grado di rintracciare la posizione di Adams in un tratto appartato dell'FM 1135 nella contea di Orange intorno alle 11:30 di lunedì scorso.

Newman ha detto che Adams aveva cercato di allestire un campo nel sito e che non sembrava che fosse lì da molto tempo.

Quando gli ufficiali hanno tentato di avvicinarsi a lui, Adams si è tolto la vita.

Dici che ti ci abitui, ma non lo fai, disse Newman. Erano entrambi ufficiali esperti. Ma non importa per quanto tempo sei in forza, non vorresti mai vederlo.

Un test preliminare sull'arma di Adams ha mostrato che lo stesso revolver si è sparato che è stato usato per uccidere Dilley, ha riferito l'Enterprise.

Ha rovinato due famiglie, ha detto Newman. Non solo il suo, ma ha rovinato anche il suo.

La polizia ha detto che Adams aveva scritto una nota di suicidio, che sarà resa pubblica nei prossimi giorni.

Tristan Hope Dilley è nato il 3 ottobre 2002 a Beaumont, in Texas. Era una cheerleader e una studentessa-atleta che gli amici descrivevano come gentile, dolce e compassionevole.