Seleziona una pagina

L'imprenditrice Nina Siemiatkowski il cui marito miliardario Sebastian ha fondato Klarna insiste che non è definita dalla sua ricchezza

  • La società svedese di fintech Klarna è stata fondata da Sebastian Siemiatkowski nel 2005
  • Il gigante Buy-now, pay-later è stato valutato nel recente round di finanziamento a $ 46,6 miliardi
  • Nina, madre di tre figli, ha sposato Sebastian nel 2014 dopo essersi incontrata all'università
  • Ha fondato la piattaforma digitale per organizzazioni no-profit Milkywire nel 2018

Di Monica Greep per Mailonline

–> –> –>

Nina Siemiatkowski dice che non sarà definita dal successo del marito miliardario dopo aver fondato il gigante fintech Klarna.

L'imprenditrice svedese Nina, 40 anni, ha incontrato il marito Sebastian, co-fondatore dell'azienda buy-now, pay-later, da studente a Stoccolma e la coppia si è sposata in Kenya nel 2014.

La società fintech alla moda, fondata nel 2005, è stata valutata in un recente round di finanziamento a $ 46,6 miliardi e la partecipazione del sette percento di Sebastian nella società vale più di $ 3 miliardi.

La madre di tre figli, è stata una dirigente di marketing di successo a pieno titolo prima di dirigere la sua startup tecnologica, Milkywire, una piattaforma che consente agli utenti di esplorare e donare direttamente a progetti di base in tutto il mondo

Ha detto al Times: Qualcuno non molto tempo fa mi ha detto: Non sarai mai nient'altro che la moglie del fondatore di Klarna.

Nina Siemiatkowski dice che non vuole essere definita dal successo del marito miliardario dopo aver fondato la società fintech Klarna

Nina, madre di tre figli, è stata una dirigente di marketing di successo a pieno titolo prima di dirigere la sua startup tecnologica nel 2018

Avevano buone intenzioni, ma non è andata proprio così con me. È l'opposto di quello che voglio essere e mi ha spinto a pensare che dimostrerò che si sbagliavano.

Non voglio essere definito da mio marito e non credo che lo sarò mai.

Crescendo Nina aveva sempre voluto fare la fotografa, tuttavia dopo la scuola decise di suonare iscriversi alla Stockholm School of Economics prima di entrare nel mondo della finanza.

Dopo l'università, Nina è diventata responsabile del marketing in una delle più grandi aziende di consumo svedesi, dove ha usato le sue preziose capacità per aiutare a rinominare Klarna come un modo interessante di fare shopping.

L'imprenditrice svedese Nina, 40 anni, ha incontrato il marito Sebastian, co-fondatore del gigante buy-now, pay-later, da studente a Stoccolma e la coppia si è sposata in Kenya nel 2014

Nina dice che, sebbene sia spesso giudicata dai successi di suo marito, è determinata a dimostrare che si sbagliano

La società fintech alla moda, fondata nel 2005, è stata valutata in un recente round di finanziamento a $ 46,6 miliardi e la partecipazione del sette percento di Sebastian nella società vale più di $ 3 miliardi

Il suo percorso professionale ha cambiato traiettoria all'età di 29 anni, quando si è resa conto che il suo lavoro aziendale non la rendeva felice e ha deciso di iscriversi a un corso di fotografia di sei mesi.

Ha quindi deciso di intraprendere un progetto documentario, seguendo la vita di un branco di leoni in Kenya e tra il 2012 e il 2016 ha trascorso cinque mesi nel Masai Mara seguendo una famiglia di leoni.

Durante la sua permanenza in Kenya, Nina si interessò al lavoro di conservazione e iniziò a lavorare con organizzazioni senza scopo di lucro che lavoravano per proteggere i leoni.

Mentre lavorava con queste organizzazioni ha notato le sfide che gli enti di beneficenza locali hanno dovuto affrontare e ha deciso di lanciare Milkywire.

Nina ha anche ammesso di aver cercato di prendere in prestito i dipendenti di Klarna per Milkywire, che lavora con più di 50 organizzazioni in più di 30 paesi.

Nina ha anche ammesso di aver cercato di sottrarre dipendenti di Klarna a lavorare per Milkywire, che lavora con più di 50 organizzazioni in oltre 30 paesi

Ha spiegato alla pubblicazione che gli enti di beneficenza ricevono il 90% di ogni donazione con Milkywire che prende una piccola quota per lo sviluppo del business di cui sono trasparenti e aperti.

In un'intervista con The Successful Founder, Nina ha spiegato alcune delle sfide che la sua start-up deve affrontare mentre cerca di raccogliere fondi per varie cause in tutto il mondo.

Raramente la gente pensa per la prima volta al mattino. Oggi è il giorno in cui proteggerò le nostre foreste pluviali. Le persone si svegliano e pensano alla prima dose di caffeina.

Una delle maggiori sfide è rendere abbastanza facile e attraente per le persone impegnarsi e agire. Spingere le persone non solo a pensare al problema, ma a fare effettivamente qualcosa al riguardo è la parte difficile.

Garantire che le persone si colleghino emotivamente a una causa è così importante se vuoi che siano coinvolte in essa.

:

***
Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Rivista