Seleziona una pagina

Per la prima volta è stata fotografata un'avvocato che è stata travolta fino alla morte dopo essere saltata attraverso un buco di ghiaccio russo in un fiume ghiacciato per celebrare l'Epifania ortodossa.

La madre di due figli, Anna Uskova, 40 anni, è stata vista in un video profondamente angosciante mentre si tuffava con i piedi nel fiume Oredezh vicino a Vyra, un villaggio a sud di San Pietroburgo, in Russia, mercoledì, prima di scomparire.

I suoi due bambini piccoli urlavano mentre veniva trascinata via da una potente corrente.

Il marito Yury, 50 anni, uomo d'affari, si è tuffato ma non è stato in grado di salvarla.

Anna Uskova, 40 anni, (nella foto) è stata travolta fino alla morte davanti ai suoi bambini quando è saltata in una buca di ghiaccio russa per celebrare l'epifania

L'avvocato è saltato in un fiume ghiacciato per celebrare l'Epifania cristiano-ortodossa mercoledì

Un foro rettangolare era stato praticato nel ghiaccio spesso sul fiume Oredezh vicino a Vyra, un villaggio a sud di San Pietroburgo, in Russia. È saltata dentro quando la forte corrente l'ha trascinata via e si presume che sia annegata

L'avvocato di San Pietroburgo intendeva immergersi nelle acque per celebrare l'Epifania cristiano-ortodossa in una tradizione seguita ogni anno da centinaia di migliaia di credenti russi.

La gente crede che l'acqua benedetta per la cerimonia annuale possieda speciali proprietà curative.

Alcune persone vanno nelle acque gelide da sole, mentre altre spesso prendono parte alla celebrazione in gruppi ricordando il battesimo di Gesù nel fiume Giordano.

Un buco era stato praticato nel ghiaccio spesso e la temperatura dell'aria era di circa -5°C quando l'Anna è saltata dentro.

Indossava un costume da bagno intero nero ed è stata vista fare il segno della croce prima di tapparsi il naso e saltare nel fiume.

Nella foto: l'avvocato di San Pietroburgo con suo marito Yury, 50 anni, un uomo d'affari

Suo figlio di 10 anni (nella foto con Anna e Yury) la figlia di 14 anni ha guardato i suoi ultimi momenti

Anna Uskova fa il bagno (a sinistra) nel fiume Oredezh, dove in seguito è annegata. L'avvocato è stato travolto da una forte corrente

Il corpo della madre di due non è stato ancora trovato quasi una settimana dopo l'incidente

I volontari con droni subacquei cercheranno ora di trovare il suo cadavere, che è stato spazzato sotto il ghiaccio

Un uomo ritenuto essere il marito della donna, 50 anni, è intervenuto per cercare di salvarla ma non è riuscito a trovarla

Sul posto è stata inviata una squadra di soccorso che includeva subacquei, ma non sono riusciti a trovare il corpo della donna

Si pensava che la corrente del fiume si muovesse a una velocità di 10 piedi al secondo quando la donna è saltata dentro

Un assistente maschio in piedi accanto al buco nel ghiaccio ha gridato aiuto quando l'ha vista spazzata via.

I suoi figli angosciati, una ragazza di 14 anni e un ragazzo di 10 anni, sono stati sentiti urlare nel filmato della tragedia.

Una gridava mamma, mamma, come una donna cercava invano di confortarli.

Le ripetute immersioni dei soccorritori statali non sono riuscite a trovare il corpo della donna, e ora i volontari con droni subacquei cercheranno di trovarla.

Il villaggio di Vyra si trova appena a sud di San Pietroburgo, nella regione russa di Leningrado

Nella foto: il fiume Oredezh quando non è ghiacciato. Zuyev ha detto che anche in estate le persone spesso annegano nel fiume che scorre veloce

Anastasia Lunika, l'allenatore di nuoto del figlio di Anna, ha detto al quotidiano Komsomolskaya Pravda: Questa è un'ottima famiglia.

Suo figlio viene da me per nuotare e ha successo in questo.

Ma quel giorno Yury mi ha chiamato.

Era in lacrime, piangeva al telefono.

Ha brevemente parlato della tragedia accaduta alla famiglia.

Ha detto che suo figlio non sarebbe andato temporaneamente a lezioni di nuoto, ma avrebbe continuato in seguito.

Sua madre è andata sott'acqua davanti ai suoi occhi

Ho immediatamente chiesto a Yuri se fosse necessario un aiuto e lui ha detto di no.

Ma le sue condizioni sono, ovviamente, gravi. Ha pianto molto.

Gli esperti hanno criticato l'uso di una stiva di ghiaccio non approvata per il tuffo di mezzanotte.

Alexander Zuyev, capo del servizio di soccorso di emergenza VOSVOD, ha dichiarato: La donna è andata a fare un tuffo in un luogo dove non ci sono soccorritori o illuminazione adeguata in una buca di ghiaccio inadatta.

Alexander Zuyev (nella foto), capo del servizio di soccorso di emergenza VOSVOD, ha criticato il posizionamento del buco nel ghiaccio in un punto in cui il fiume aveva una forte corrente

Lo stesso giorno è stata creata una buca di ghiaccio sicura nel fiume Oredezh vicino al villaggio di Vyra con soccorritori e un'ambulanza in attesa, nonché una struttura in legno e gradini per aiutare le persone dentro e fuori dall'acqua

È stata semplicemente portata via dal flusso.

Lo slancio del suo salto l'ha portata sotto il ghiaccio e non è riuscita a tornare indietro.

È uno dei fiumi più pericolosi nella regione di Leningrado e le persone vi affogano ogni anno, anche in estate, ha detto.

Altrove nel villaggio, villaggio di Vyra, vicino a Gatchina, nella regione di Leningrado, c'era un buco ufficiale, con soccorritori e paramedici in attesa, oltre a una struttura di legno e gradini per aiutare le persone a entrare e uscire dall'acqua.

***
Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia