Seleziona una pagina

Una madre di cinque figli che si avvicina alla cinquantina ha rivelato i suoi piani per provare ad avere un bambino attraverso la fecondazione in vitro perché sta lottando per concepire in modo naturale.

Eileen Burbidge, 47 anni, imprenditrice tecnologica e consulente del Tesoro, che vive a Londra, ha avuto il suo primo figlio a 35 anni e ha avuto tre figli e una figlia con il secondo marito.

Parlando al Sunday Times, Eileen ha detto che non c'è il momento perfetto per avere un figlio e vuole espandere la sua nidiata perché ama essere mamma.

Ha già avuto due cicli di fecondazione in vitro, ma non hanno avuto successo e ha esaminato l'adozione.

La madre di cinque figli Eileen Burbidge, 47 anni, imprenditrice tecnologica e consulente del Tesoro, ha in programma di avere un altro figlio attraverso la fecondazione in vitro perché dice che il suo corpo sta lottando per concepire naturalmente

La signora Burbidge, che è un partner di Passion Capital, che finanzia le start-up tecnologiche, ha preso la decisione dopo che non è riuscita a concepire naturalmente con il suo nuovo partner Tom Powell, 32 anni, lui stesso padre di un figlio.

Ha detto: amo essere mamma così tanto che io e il mio partner vogliamo avere più figli, ma ho un'età in cui spesso non succede naturalmente.

Il più piccolo che ho partorito ha sei anni. Pensavamo quando abbiamo iniziato a provare un anno e mezzo fa che avrei potuto essere in grado di concepire in modo naturale, ma non è successo.

La signora Burbidge, che dice di aver usato una tata dalle 8:00 alle 18:00 ogni giorno per aiutare a destreggiarsi tra lavoro e vita domestica, crede che non ci sia mai un momento perfetto per le donne in carriera per prendersi una pausa per avere figli.

Ha avuto il suo primo figlio a 35 anni e ha avuto tre figli e una figlia con il secondo marito. Ora ha un nuovo partner, Tom Powell, 32 anni, e la coppia spera di avere un figlio insieme

Ha continuato: Non penso che ci sia un momento che sembra davvero un buon momento. Per le donne in carriera, non penso che ci sia nemmeno un momento ideale per prendersi nove mesi mentre il tuo corpo cambia.

Il numero di madri anziane è aumentato vertiginosamente negli ultimi decenni, poiché sempre più donne si concentrano sulla propria carriera e iniziano la famiglia in seguito.

Ma i medici tendono ad avvertire le donne di non lasciare troppo tardi per avere figli. Sottolineano che con l'età la fertilità diminuisce e il rischio di complicazioni, compresi i nati morti, aumenta.

La signora Burbidge è un partner Passion Capital, che finanzia start-up tecnologiche ed è l'inviato speciale del Tesoro per la tecnologia finanziaria

Gli esperti stimano che le donne sulla quarantina abbiano solo una possibilità su 20 di rimanere incinta a causa della loro minore quantità di uova, che sono meno capaci di essere fecondate.

La British Fertility Society in precedenza aveva avvertito che le celebrità che hanno figli sulla quarantina stanno dando alle donne false speranze sulla maternità tardiva.

Il presidente Adam Balen ha affermato che le celebrità che hanno mostrato bambini miracolosi hanno spesso utilizzato la fecondazione in vitro o gli ovuli di donatori, entrambi i quali possono costare migliaia di sterline.

Poiché non lo rendono pubblico, i loro fan non si rendono conto dei problemi di fertilità e dei problemi di salute che potrebbero derivarne.

COME FUNZIONA LA FIV?

La fecondazione in vitro, nota come fecondazione in vitro, è una procedura medica in cui una donna ha un ovulo già fecondato inserito nel suo grembo per rimanere incinta.

Viene utilizzato quando le coppie non sono in grado di concepire naturalmente e uno sperma e un uovo vengono rimossi dai corpi e combinati in un laboratorio prima che l'embrione venga quindi inserito nella donna.

Una volta che l'embrione è nel grembo materno, la gravidanza dovrebbe continuare normalmente.

La procedura può essere eseguita utilizzando ovuli e sperma di una coppia o quelli di donatori.

Le linee guida dell'Istituto nazionale per la salute e l'eccellenza nell'assistenza raccomandano che la fecondazione in vitro dovrebbe essere offerta sul servizio sanitario nazionale alle donne di età inferiore ai 43 anni che hanno cercato di rimanere incinta attraverso rapporti regolari non protetti per 2 anni.

Le persone possono anche pagare privatamente la fecondazione in vitro, ma costa in media 3.348 per un singolo ciclo, secondo i dati pubblicati a gennaio, e non vi è alcuna garanzia di successo.

Il SSN afferma che i tassi di successo per le donne sotto i 35 anni sono di circa il 29% e le possibilità di un ciclo di successo si riducono man mano che le donne invecchiano.

Si pensa che circa otto milioni di bambini siano nati grazie alla fecondazione in vitro da quando la prima in assoluto, la donna britannica Louise Brown, è nata nel 1978.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia