Seleziona una pagina

Mentre la pressione dei coetanei è una parte normale dell'esperienza adolescenziale, un nuovo studio ha rivelato quanto sia difficile per le ragazze dire di no quando spinte da un ragazzo a inviare foto di nudo.

I ricercatori della Northwestern University hanno analizzato quasi 500 resoconti di ragazze adolescenti che hanno descritto le pressioni dei ragazzi e hanno scoperto che a due terzi è stato chiesto di inviare foto esplicite in cambio di affetto.

Tuttavia, i risultati mostrano che la promessa di affetto si è trasformata in minacce e molestie da parte dei ragazzi se non si fossero conformati, portando il 20% delle ragazze di età compresa tra 12 e 18 anni a cedere e a inviare foto di nudo.

Nessuna delle giovani donne ha riferito di essersi sentita sollevata o avvantaggiata dall'invio delle foto e invece la loro obbedienza ha portato a un'autostima negativa e alla paura che le foto venissero distribuite.

Solo 12 dei resoconti non hanno rivelato alcun contraccolpo negativo dal dire di no alle richieste dei ragazzi, provocando un ricorrente grido di aiuto da parte delle ragazze che hanno condiviso le loro storie con la domanda: cosa dovrei fare?.

Secondo una ricerca della Northwestern University [file image], le ragazze adolescenti subiscono pressioni dai ragazzi affinché inviino foto di nudo e poi affronteranno minacce e molestie se rifiutano

I ricercatori hanno analizzato 462 commenti pubblicati dal 2010 al 2016 sul sito web di MTV A Thin Line, un sito volto a fermare la diffusione di abusi sessuali sotto forma di sexting e cyberbullismo.

I commenti hanno rivelato la confusione e la battaglia interna che le ragazze adolescenti hanno sperimentato quando gli è stato chiesto di inviare foto di nudo e le diverse tattiche utilizzate dai ragazzi per costringere le ragazze a inviarle.

Le ragazze adolescenti conoscono i potenziali rischi e non sono inclini a farlo, ma continuano comunque a condividere le immagini, ha affermato l'autrice dello studio Sara Thomas, una studentessa di dottorato in sviluppo umano e politiche sociali. Lottano per dire di no.

Solo l'8% delle storie mostrava il desiderio di inviare foto, tuttavia giustificavano l'invio di foto esplicite per il desiderio di compiacere o evitare conseguenze negative da parte dei giovani uomini.

I risultati pubblicati sulla rivista Sexuality Research and Social Policy hanno mostrato che nel 22% dei casi le ragazze consideravano l'invio di foto come un modo per ottenere l'attenzione e l'affetto dei ragazzi a cui erano interessate.

Sebbene sappiano che l'invio di foto ha ripercussioni immediate ea lungo termine, gli adolescenti hanno descritto i ragazzi che facevano pressioni, si arrabbiavano e minacciavano di interrompere la relazione per ottenere delle foto.

Il 20% delle giovani donne ha affermato di aver rispettato le richieste dei ragazzi e di aver inviato foto e 12 di loro hanno affermato di averlo fatto per mantenere una relazione.

Una ragazza di 15 anni ha scritto: Ho inviato al mio ragazzo una foto nuda dopo che lui ha insistito e mi avrebbe lasciato. Ora sta minacciando di inviarlo a tutti se non faccio sesso con lui, ho solo 15 anni.

Ho inviato al mio ragazzo una foto nuda dopo che lui ha insistito e mi avrebbe lasciato. Ora sta minacciando di inviarlo a tutti se non faccio sesso con lui, ho solo 15 anni

Le ragazze che sono state minacciate hanno riferito di sentirsi intrappolate, bloccate e spaventate dalle conseguenze dell'invio e del mancato invio di foto.

Solo 12 dei casi hanno riferito di non aver avuto reazioni negative o dubbi su se stessi dopo aver affermato chiaramente di no.

Un caso ha persino riferito di aver parlato a un genitore della pressione dopo aver ricevuto minacce di morte per aver negato.

Nessuna delle giovani donne che hanno inviato foto di nudo ha riferito di essersi sentita sollevata o avvantaggiata dall'invio di loro e la conformità spesso porta a insicurezza e paura di ciò che potrebbe accadere in futuro.

Oltre il 40 percento delle storie descriveva le conseguenze di un pubblico non intenzionale, distribuzione di massa, diffusione di voci, conseguenze legali, stress emotivo e reazione dei genitori.

Un ragazzo ha inviato una mia foto nuda a tutta la scuola, inclusi il preside ei miei genitori, poi tutti quelli che l'hanno ricevuta hanno inviato le loro rubriche telefoniche, il che ha portato circa 300 persone in più ad avere il mio corpo nudo sui loro telefoni, ha scritto una ragazza.

CODICI COMUNI DI SESSO

FYEO Solo per i tuoi occhi

NIFOC Nudo davanti al computer

Mamma MOS sopra la spalla

P999 Avviso genitori

LMIRL Incontriamoci nella vita reale

TDTM Parla sporco con me

GYPO Togliti i pantaloni

IWSN Voglio fare sesso adesso

Alcune delle ragazze hanno riferito di aver usato tattiche di evitamento come scattare una foto del loro viso o trovare un'immagine online e inviarla al ragazzo per obbedire senza compromettersi.

Ha inviato una mia foto di nudo e mi ha permesso di rimandarne una indietro, quindi sono andato su Internet e ho cercato giovani donne brune nude e le ho usate, [sic] una ragazza ha scritto.

I ricercatori hanno scoperto che le ragazze spesso sentivano il peso della situazione come un loro problema e non un problema con il ragazzo.

Il linguaggio delle giovani donne suggeriva di non problematizzare i comportamenti coercitivi e minacciosi dei ragazzi. I giovani uomini non sono stati criticati o denunciati per aver condiviso corpi di giovani donne (presumibilmente) condivisi consensualmente senza il loro consenso, ha detto Thomas nello studio.

Le ragazze si descrivevano come sdolcinate, stupide o orribili per l'invio di foto, mentre i ragazzi venivano indicati come fidanzati o amici.

Mentre in alcuni stati le foto di nudo di adolescenti costituiscono legalmente pornografia infantile, Thomas suggerisce un'azione legale più forte per i ragazzi che costringono le ragazze a inviare foto.

I tentativi delle giovani donne di negoziare da sole situazioni coercitive suggeriscono che le giovani donne sentono che è un loro fardello da gestire, ha affermato. Questa è una logica estensione dei responsabili politici, degli educatori e dei genitori che considerano abitualmente le giovani donne più responsabili del processo decisionale sessuale (in particolare sotto forma di difesa dell'astinenza).

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia