Seleziona una pagina

Un viaggiatore con lo zaino tedesco attaccato a Salt Creek ha rivelato le parole agghiaccianti che il suo rapitore di 61 anni ha pronunciato quando lo ha interrotto mentre aggrediva sessualmente il suo compagno di viaggio.

Lena Rabente, 25 anni, e la collega zaino in spalla Beatriz, dal Brasile, hanno fatto un giro con Roman Heinze all'inizio dello scorso anno da Adelaide, sperando di andare a Melbourne attraverso la Great Ocean Road.

Ma dopo essersi fermata ad accamparsi sulla remota spiaggia dell'Australia Meridionale, Lena si svegliò e trovò Beatriz, nuda e legata con una corda, sdraiata sulla sabbia con l'Heinze in piedi sopra di lei.

Gli ho urlato qualcosa come lasciarla in pace, allontanarsi da lei, lasciarla andare e lui si è girato verso di me e ha detto qualcosa di veramente strano che non ho capito subito in quel momento, ha detto Lena a 60 Minutes.

Ha detto qualcosa come se volessi solo provarla, ha ricordato la 25enne.

Un viaggiatore con lo zaino tedesco aggredito a Salt Creek ha rivelato le parole agghiaccianti che il suo rapitore di 61 anni ha pronunciato quando lo ha interrotto mentre aggrediva sessualmente il suo compagno di viaggio

Lena Rabente (a sinistra), 25, e la collega zaino in spalla Beatriz (a destra), dal Brasile, hanno fatto un giro con Roman Heinze all'inizio dello scorso anno da Adelaide, sperando di andare a Melbourne attraverso la Great Ocean Road

Ma dopo essersi fermata ad accamparsi sulla remota spiaggia dell'Australia Meridionale, Lena si svegliò e trovò Beatriz, nuda e legata con una corda, sdraiata sulla sabbia con l'Heinze in piedi sopra di lei

Lena e Beatriz, 25 anni, domenica hanno parlato pubblicamente per la prima volta della loro orribile prova e della loro lotta per sopravvivere.

Lena ha detto che Heinze, 61 anni, ha iniziato a picchiarla sulla testa con un martello dopo che lei lo aveva interrotto mentre attaccava Beatriz.

Heinze, che ora viaggiava in macchina, ha poi inseguito Lena sulle dune di sabbia per quasi un chilometro.

Scattando in tutte le diverse direzioni, Lena si precipitò, facendo brusche virate mentre il suo aggressore la inseguiva nel suo 4WD.

Mentre si stancava, Heinze iniziò a colpirla con il suo paraurti, facendola cadere, ma ogni volta si rialzava e continuava a correre.

Ero così determinato che non volevo morire. Non qui, non ora, disse.

Alla fine stancante, Lena prese una decisione drastica che le salvò la vita. Corse verso l'auto, lanciandosi sul cofano prima di salire sul tetto.

Ho pensato, sono al sicuro sul tetto, non può salire sul tetto, ha detto.

Mi sentivo un po' come, in un film sembrava James Bond.

Lena Rabente e Beatriz (nella foto) hanno rivissuto l'orribile prova che hanno vissuto quando Roman Heinze li ha rapiti e torturati a Salt Creek

Lena ha raccontato un'incredibile storia di sopravvivenza, rivelando di essere salita sul tetto dell'Heinzes 4WD mentre lo guidava nel tentativo di scappare

Le donne sono riuscite a sfuggire allo spaventoso calvario e Heinze (nella foto) è stato trovato nella sua auto più in basso sulla spiaggia, tutto lo stesso giorno

Heinze ha cercato disperatamente di far scendere Lena dal tetto della sua macchina. Gli diede un calcio in faccia mentre lui cercava di colpirla con il martello ancora e ancora.

Nel frattempo, la testa della donna tedesca continua a sgorgare sangue dal colpo iniziale. L'ha descritta al programma come pioggia di sangue.

Heinze è quindi tornato alla sua macchina e ha iniziato a guidare in modo irregolare nel tentativo di buttarla via mentre si aggrappa per la cara vita.

Nel frattempo, un'auto si è avvicinata a Beatriz, che era fuggita tra i cespugli vicini dopo che Lena era riuscita a sciogliere la corda che le legava mani e caviglie.

Corse verso la macchina, completamente nuda, gridando aiuto. All'interno dell'auto, un gruppo di uomini ha chiamato un locale di servizio nelle vicinanze, che ha avvertito la polizia.

Beatriz pregò gli uomini di non riportarla all'ingresso della spiaggia isolata, invece chiese loro di aiutarli a trovare Lena, che era ancora sul tetto dell'auto di Heinzes.

Heinze è stato catturato e arrestato dopo che il suo fuoristrada è rimasto impantanato in una duna di sabbia (nella foto). Fu condannato a 22 anni

Heinze ha risposto a un annuncio che le donne hanno pubblicato su Gumtree chiedendo un passaggio da Adelaide a Melbourne all'inizio dell'anno scorso (nella foto: campeggio a Salt Creek)

L'uomo alla fine l'ha attirata, gettando via le sue armi nel processo. Ora a malapena cosciente, Lena è salita sul sedile anteriore e la coppia ha iniziato a viaggiare lungo la spiaggia direttamente oltre Beatriz e gli uomini che l'hanno salvata.

Sebbene fosse sull'orlo della coscienza, Lena saltò fuori dall'auto di Heinzes e corse verso gli uomini che in seguito rivelarono di non poter dire se fosse un uomo o una donna, tale era l'entità delle sue ferite.

La polizia, insieme al proprietario della rimessa, ha iniziato a cercare un Heinze in fuga. Lo trovarono impantanato nella sabbia delle dune, con le mani sul volante dell'auto.

È stato arrestato e non ha combattuto.

In un'intervista a 60 Minutes, Lena (a sinistra) ha detto di sentirsi come James Bond mentre si muoveva per distrarre Heinze dalla sua amica, che giaceva nuda e legata sulla spiaggia

DETTAGLI DEGLI ATTACCHI ROMANI DI HEINZES

ATTACCHI SALT CREEK 2016:

* Due viaggiatori zaino in spalla vengono attaccati sulle aspre dune di sabbia di Salt Creek da Roman Heinze, 61 anni, che incontrano dopo che uno ha pubblicato un annuncio sul sito web Gumtree in cerca di un passaggio da Adelaide a Melbourne.

* Una donna brasiliana viene gettata sulla sabbia, le braccia legate con una corda. Heinze poi tira fuori un coltello e le taglia il bikini prima di aggredirla indecentemente.

* Heinze poi insegue il viaggiatore con lo zaino tedesco con un martello, colpendola alla testa quattro volte. Mentre cerca di fuggire, lui la guida anche con la sua 4WD, facendola cadere a terra diverse volte.

* Una giuria ha ritenuto Heinze colpevole di sei accuse, tra cui aggressione indecente, rapimento aggravato e pericolo di vita, ma non colpevole di tentato omicidio.

ATTACCO 2014:

* Heinze si è dichiarato colpevole di aver aggredito indecentemente un altro viaggiatore con lo zaino in una proprietà ad Adelaides sud nel 2014. Aveva anche accettato di dare alla donna un passaggio da uno stato all'altro.

ASSALTO 2014:

* Heinze è stata vincolata in relazione a un'aggressione a una donna nel dicembre 2014.

LA FRASE:

* Il giudice Trish Kelly ha incarcerato Heinze per un totale di 22 anni e quattro mesi con un periodo di non libertà vigilata di 17 anni.

* Il giudice Kelly ha descritto il suo reato come depravato e sfidante qualsiasi spiegazione razionale o ragionevole. Ha detto che i suoi crimini avevano un tema comune in un comportamento sessuale improvviso, violento e predatorio.