Seleziona una pagina

Il fondatore di Google Sergey Brin ha cercato di rubare la fidanzata dell'ex capo di Uber, Travis Kalanicks, poche ore dopo aver annunciato che si stava rivoltando contro i suoi affari, ha rivelato un nuovo libro.

Kalanick è rimasto sbalordito nel 2014 quando Brin ha presentato la prima auto a guida autonoma per Google, che fino ad allora era stata un alleato di Uber, perché sentiva che minacciava la sua azienda.

Il giornalista tecnologico del New York Times Mike Isaac descrive in dettaglio l'ascesa dell'app di guida e la controversa cultura del posto di lavoro che l'ha quasi distrutta, nel nuovo libro, Super Pumped: The Battle for Uber, pubblicato il mese scorso.

Secondo Isaac, l'umiliazione di Kalanick ha preso una svolta molto più personale quella notte, con Brin che ha persino chiacchierato con i fondatori di Uber, l'ex fidanzata Gabi Holzwarth, musicista e ballerina, durante una cena con i pesi massimi della Silicon Valley.

Kalanick disse a un collega che Brin, che all'epoca stava attraversando un divorziato disordinato dopo aver avuto una relazione con un'impiegata più giovane, aveva messo una mano sulla gamba di Holzwarth.

Secondo Isaac, Google stava facendo di tutto per fregarlo, e ora guardava mentre l'uomo che avrebbe ucciso la sua compagnia cercava di rubare la sua ragazza, pensò Kalanick.

Google e Uber avrebbero poi chiuso le corna in una causa multimilionaria sulla presunta tecnologia delle auto senza conducente rubata, ma è stato qui che apparentemente è iniziata l'animosità.

Il successo del co-fondatore di Uber Travis Kalanicks con l'app è giunto al termine nel 2017 dopo essere stato costretto a dimettersi a seguito di numerosi scandali di pubbliche relazioni

Dramma: Kalanick è entrato in guerra con Google, che aveva iniettato $ 250 milioni in Uber nel 2013, dopo che il suo fondatore Sergey Brin (a destra) ha cercato di rubare la sua ragazza Gabi (a sinistra) mentre era nel mezzo del divorzio dalla moglie Anne Wojcicki (a destra)

Il libro di Isaac è pieno di dettagli strabilianti su Ubers che raggiunge una valutazione di 68 miliardi di dollari al suo apice, più di Facebook.

Ma le pratiche spietate della società all'inizio hanno quasi distrutto l'azienda in una spirale mortale di incubi di pubbliche relazioni e persino costretto Kalanick a lasciare la carica di amministratore delegato nel 2017.

Il libro descrive la vita a Uber come una miscela del film universitario Animal House, The Wolf of Wall St e gli scritti del filosofo del XVI secolo Thomas Hobbes, che parla di uno stato di natura che ricorda una guerra civile.

L'ascesa al vertice di Uber è descritta in dettaglio nel nuovo libro del giornalista tecnologico del NYT Mike Isaacs Super Pumped, pubblicato il mese scorso

Uber ha oltrepassato il limite in quasi tutti i modi immaginabili, incluso l'assunzione di ex dipendenti della CIA e della NSA per formare una forza di spionaggio aziendale per spiare conducenti e concorrenti.

Isaac dipinge Kalanick come un prototipo della cultura delle startup e la sua storia solleva interrogativi sulla cultura del culto del fondatore che ha elevato capi come Mark Zuckerberg a ricchezza e potere estremi con poca supervisione.

Kalanick, 43 anni, proveniva da una famiglia della classe media a Northridge, in California, dove suo padre era un ingegnere civile ereditando la sua testa per numeri e forti capacità analitiche.

Da sua madre, che lavorava come dirigente pubblicitario al Los Angeles Daily News, Kalanick ha appreso il carisma che ha conquistato i suoi clienti ed è diventato un venditore naturale.

Quando frequentava le scuole medie, era molto competitivo, imparò a programmare, ma subì un incessante bullismo perché era un mago della matematica.

Ha ottenuto un 1580 nei suoi SAT, 20 punti in meno rispetto alla perfezione, ed è andato all'UCLA per ottenere una doppia specializzazione in informatica ed economia.

Kalanick divenne ossessionato da Internet e costruì un motore di ricerca simile a Napster per trovare musica online chiamato Scour, abbandonando gli studi per lavorare a tempo pieno al progetto.

Kalanick, 43 anni, è cresciuto in una famiglia della classe media a Northridge, in California, con i genitori Donald e Bonnie (a sinistra) morti nel 2017. Ha imparato a programmare mentre era alle scuole medie e ha frequentato l'UCLA dopo aver ottenuto un punteggio SAT quasi perfetto

Il padre di Kalanicks era un ingegnere civile e sua madre lavorava come dirigente pubblicitario al Los Angeles Daily News

Riuscì a ottenere 4 milioni di dollari dai capitalisti di ventura, ma con clausole grossolanamente ingiuste non lo avrebbe mai dimenticato e Scour alla fine andò in bancarotta nel 2000 quando l'industria discografica lo fece causa per 250 milioni di dollari.

Un anno dopo Kalanick ha cercato di lanciare un'altra versione chiamata Red Swoosh che ha venduto nel 2007 per $ 20 milioni, guadagnandogli $ 2 milioni.

Si è poi dilettato come angelo investitore fino a quando non ha incontrato il collega imprenditore tecnologico in erba Garrett Camp, che nel 2007 aveva venduto il suo social network StumbledUpon, ormai defunto, a eBay per $ 75 milioni nel 2007.

Camp ha avuto l'idea di UberCab, il nome originale del servizio, dopo aver visto una scena del film Casino Royale in cui James Bond controlla la sua Aston Martin con il suo telefono che mostra una mappa con l'auto in movimento.

È stato ulteriormente ispirato dopo essere diventato frustrato dal dover aspettare mezz'ora per fermare un taxi a San Francisco.

La prima versione di Uber è stata lanciata a marzo 2009, sotto forma di un sito Web a cui gli utenti dovevano accedere.

Le corse in taxi erano più costose di un taxi normale di una volta e mezzo la tariffa, ma credevano che i clienti sarebbero stati disposti a pagare di più per il servizio su richiesta con auto di lusso.

Al momento del suo lancio, lo slogan di Ubers era Everyones Private Driver.

Ma l'azienda è davvero decollata quando ha distribuito migliaia di iPhone gratuiti ai conducenti.

Prima di lanciare Uber, Kalanick (nella foto nel 2006) ha creato una società di file sharing chiamata Red Swoosh che ha venduto nel 2007 per $ 20 milioni, guadagnandogli $ 2 milioni

L'inizio: l'azienda è stata originariamente lanciata nel 2009 con il nome di ubercab ed era disponibile solo come sito Web

Successivamente è stata trasformata in un'app, ma l'azienda è stata rapidamente colpita da multe e sanzioni a causa di violazioni

Ha affrontato il suo primo urto sulla strada nell'ottobre 2010, quando i funzionari di transito di San Francisco si sono presentati alla sede centrale di Ubers e hanno minacciato di chiuderla per violazione dei regolamenti.

Ma la risposta di Kalanicks è stata: lo ignoriamo.

L'azienda invece ha cambiato solo il suo nome abbandonando la parola Cab, ed è nato Uber.

Kalanick avrebbe presto ottenuto il primo sostanzioso finanziamento di Uber dal leggendario investitore della Silicon Valley Bill Gurley, che ha investito 11 milioni di dollari per il 20% dell'azienda, che lo ha valutato a 50 milioni di dollari.

Con il controllo completo sull'attività, la personalità di Kalanicks ha modellato tutto a sua immagine, nel bene e nel male.

Isaac scrive che ogni giorno Kalanick andava in guerra in una battaglia esistenziale per la sopravvivenza.

Kalanick vedeva il business di Ubers come una campagna politica in cui il candidato è Uber e l'avversario è un taxi di nome stronzo.

Il suo piano era di inondare una città con corse gratuite per i passeggeri e bonus per i conducenti in modo che quando le autorità di regolamentazione sapessero cosa stava succedendo fosse troppo tardi.

Se si fossero lamentati, avrebbe armato i suoi utenti e li avrebbe indotti a inviare messaggi o e-mail ai funzionari della città per contrattaccare.

Uber è stata co-fondata dal canadese Garrett Camp (nella foto a destra con il CEO Dara Khosrowshahi) ed è diventata pubblica quest'anno. Kalanick ha portato l'azienda al successo rubando gli ingegneri di Google, tra cui Anthony Levandowski (a sinistra)

Uber, che al suo apice valeva 68 miliardi di dollari, più di Facebook, è diventato pubblico quest'anno. Sopra c'è la Borsa di New York durante l'IPO della società a maggio

Kalanick ha idolatrato i pionieri della tecnologia come Jeff Bezos e ha strappato ai fondatori di Amazon 14 principi, solo con una svolta decisamente simile a Uber.

Il numero 1 nell'elenco di Bezoss era l'ossessione del cliente mentre Kalanicks era sempre un imbroglione.

Al numero 8 della lista di Bezos c'era un'immersione profonda. Nella stessa posizione sulla versione Ubers c'era Super Pumped.

Nel 2012 Uber era a New York, Chicago, Los Angeles e Parigi, seguita presto da Londra.

Ma ciò che ha fatto esplodere davvero l'azienda è stato l'abbandono del modello di lusso, un'idea che Kalanick ha rubato al servizio rivale Zimride, ora noto come Lyft.

Isaac scrive che Kalanick ha deriso il co-fondatore di Lyfts John Zimmer su Twitter con i tweet di #clone, anche se era il copione.

Kalanick ha anche contattato gli investitori che sapeva che Lyft stava prendendo di mira e ha avvertito che si sarebbero persi l'investimento in Uber se si fossero iscritti con il suo rivale, facendo indietreggiare molti.

Lo staff di Uber si è persino presentato agli eventi dei conducenti di Lyft dove hanno distribuito birra, pizza e biscotti gratuiti, nonché codici bonus per iscriversi a Uber.

Decine di milioni di dollari di capitale di rischio sono confluiti nella società che Kalanick ha preso senza dare agli investitori alcun controllo sull'operazione.

Kalanick, nella foto con l'ex fidanzata Gabi Holzwarth al Met Gala 2016, stava strofinando i gomiti con le celebrità al culmine del suo successo

I critici hanno affermato che soffriva di sindrome del ballerino aspirazionale a causa delle sue spese frivole e delle feste costanti dopo aver fatto il grande passo. Sopra è raffigurato con la sua ex Gabi, la modella Liu Wen, Wendi Murdoch e CEO di Qeelin Christophe Artaux nel 2015

Kalanick ha iniziato a frequentare la folla di celebrità e artisti del calibro dell'attrice Sophia Bush (nella foto a una festa nel 2016) e Leonardo DiCaprio. Riuscì anche a reclutare Arianna Huffington (a sinistra) nel consiglio di Uber

Ciò includeva Google che ha investito più di $ 250 milioni in Uber nel 2013, il che ha cementato il posto dell'azienda nella Silicon Valley.

Kalanick aveva pochi amici al di fuori del lavoro e guidava duro con giornate di 18 ore e ci si aspettava che i dipendenti facessero lo stesso.

La compagnia offriva cene gratuite ma non venivano servite fino alle 20:15.

Ma le sue pratiche iper-aggressive iniziarono ad avere conseguenze nel mondo reale. A Las Vegas, dove l'industria dei taxi aveva legami con la criminalità organizzata, alcuni conducenti di Uber sono stati aggrediti.

A New York City, la presenza di Ubers ha minacciato l'industria dei medaglioni dei taxi, dove la licenza per operare aveva raggiunto il picco di $ 1 milione.

Queste tensioni sarebbero culminate in casi come quello del pilota in livrea di New York Doug Schifter, che si è sparato alla testa fuori dal municipio nel 2018 dopo che stava lottando per far fronte al cambiamento e stava lavorando 120 ore alla settimana.

Ma Uber ha rifiutato di piegarsi a qualsiasi resistenza e quando è stata multata per 12 milioni di dollari per 120.000 violazioni del codice di transito di Filadelfia, ha semplicemente pagato la grossa somma e ha continuato.

Uber ha introdotto un programma accelerato di controllo dei precedenti per facilitare la registrazione dei conducenti, una decisione che in seguito è tornata a perseguitarli quando i conducenti sono stati coinvolti in accuse di aggressione sessuale.

Sindrome del ballerino ambizioso: gli amici temevano che Kalanick fosse diventato un cretino con troppi soldi. Travis festeggia con Snoop Dogg nel 2013

L'azienda ha speso milioni in attività di lobbying per eleggere i politici che li favorissero, in particolare quelli che erano d'accordo che i conducenti di Uber fossero solo lavoratori a contratto e non dipendenti.

La distinzione significava che la società non doveva pagare sussidi, assicurazioni o tasse sul lavoro anche se indeboliva il morale dei suoi conducenti.

Ad Austin, dove Uber è stata costretta a rispettare le normative, l'azienda ha risposto trattandola come una situazione di ostaggio, ritirandosi completamente dalla città e incoraggiando gli utenti a lamentarsi.

Nel 2015, quando il sindaco di New York City Bill de Blasio suggerì di limitare il numero di Uber, si vendicò chiamando l'app De Blasios Uber, con meno auto e aspettando fino a mezz'ora.

Gli utenti sono stati invitati ad agire con un pulsante che ha inviato un modulo pre-scritto al sindaco via email. De Blasio ha fatto marcia indietro ma alla fine ha imposto il limite quattro anni dopo.

Quando il contraccolpo di Uber ha preso piede, si è concentrato su Kalanick, che i giornalisti tecnologici hanno soprannominato l'imperatore di quella che chiamavano cultura del buco.

Ma nella sua mente era un visionario che avrebbe cambiato il mondo, anche se il pubblico lo vedeva in modo diverso.

Per tutti i talenti di Kalanicks non riusciva a vedere che questa non era una guerra per il territorio, era una gara di popolarità. Ora quel punto cieco stava diventando un ostacolo, scrive Isaac.

Anche la cultura tossica all'interno dell'azienda sta peggiorando.

Il motto non ufficiale di Uber era uccidere o essere ucciso e se colpisci i tuoi bersagli potresti farla franca.

Ha persino progettato un algoritmo per calcolare lo stipendio più basso possibile che un nuovo assunto potrebbe accettare prima di fare loro un'offerta.

Ha introdotto una tariffa Safe Rides, una tariffa opzionale di $ 1 destinata a far sentire i passeggeri al sicuro fornendo un conducente più affidabile.

Ma in realtà non significava nulla ed era solo un altro modo per ottenere maggiori profitti, scrive Isaac. Un ex dipendente ha definito la pratica oscena.

Kalanick ha persino rifiutato l'idea di aggiungere un'opzione di mancia sull'app perché non capiva in che modo avrebbe avvantaggiato i conducenti, afferma il libro.

Kalanick è stato anche minacciato dal piano di Brins di sviluppare un'auto senza conducente (a sinistra), spingendolo a sviluppare la sua versione tramite Uber (a destra), ma in seguito è stato citato in giudizio per milioni

Le cose hanno preso una svolta più sinistra nel dicembre 2014, quando una donna indiana è stata violentata mentre veniva portata a casa da un autista di Uber, una storia che è diventata virale e ha messo in luce la cultura problematica dell'azienda.

Più Uber spingeva, più la realtà veniva respinta.

Ubers ha accelerato la pratica di assunzione è diventata un fattore in una serie di casi di crimini sessuali sui passeggeri da parte di conducenti.

Kalanick credeva che fossero innocenti fino a prova contraria, e quando i casi sono falliti a causa della mancanza di prove o delle vittime che non si sono presentate in tribunale, un applauso è andato al quartier generale di Ubers, scrive Isaac.

Ma Kalanick ha subito un duro colpo nel 2014, quando Sergey Brin ha annunciato il piano di Google per la prima auto senza conducente in un evento al Terranea Resort di Rancho Palos Verdes in California.

Google ha mostrato un video di un veicolo bianco a forma di uovo che fa un giro in un parcheggio, facendo capire a Kalanick che la compagnia potrebbe distruggere Uber e lo farebbe sorridendo.

Alla domanda sul palco se Google avesse in programma di creare un servizio di assistenza, Brin non lo ha negato, lasciando Kalanick furibondo.

All'epoca Brin stava divorziando dalla moglie Anne Wojcicki, la madre dei suoi due figli, dopo essere stato sorpreso ad avere una relazione con Amanda Rosenberg, una dirigente marketing di Google che a 27 anni aveva 13 anni più giovane di lui.

Ma secondo Isaac, questo non gli ha impedito di chiacchierare con la ragazza di Kalanicks, Holzwarth, a cena quella sera.

Kalanick ha persino scattato segretamente una foto della coppia e l'ha inviata a un collega per dimostrare che Brin era una responsabilità.

Giocare hardball: Kalanick era noto per impiegare tattiche spietate contro i suoi concorrenti, incluso Lyft, spiandoli e depredando i suoi investitori

Ha persino preso in giro il co-fondatore di Lyfts John Zimmer (a sinistra) su Twitter con tweet cloni, anche se era il copione, afferma il libro

Brin in seguito chiese a Holzwarth di uscire e parlare a bordo piscina mentre Kalanick stufava in disparte.

Kalanick ha reagito creando un istituto di auto a guida autonoma da 40 milioni di dollari a Pittsburgh e ha iniziato a rubare ingegneri a Google tra cui Anthony Levandowski, il ragazzo d'oro dell'intero progetto.

Ma si è ritorto contro quando Google ha citato in giudizio lui e Uber per presunto furto di informazioni proprietarie.

Uber è stata costretta ad accontentarsi di 245 milioni di dollari e ha accettato di non utilizzare nessuna delle tecnologie di Google, lasciando il suo programma di auto senza conducente nel limbo.

Nel 2015 Uber ha raggiunto lo sbalorditivo traguardo di $ 10 miliardi di entrate e Kalanick ha festeggiato con una festa di una settimana a Las Vegas che è costata all'azienda $ 25 milioni.

Gli Uberetto, come era noto il personale, si erano già dimostrati abili nello spendere i soldi dell'azienda in una precedente festa a Miami.

Questa volta sono stati avvertiti di non gettare fusti di birra dagli edifici e chiunque avesse vomitato nei giardini dell'hotel sarebbe stato multato di $ 200.

La festa è stata soprannominata X alla x riferendosi alla crescita esponenziale che stava vivendo Uber.

Il personale ha ricevuto un braccialetto che li ha portati in locali che erano stati affittati solo per loro, come l'XS club dove suonavano i DJ David Guetta e Kygo.

Alcuni membri del personale di Uber si sono spinti troppo oltre con un dipendente che ha assunto due prostitute che hanno finito per rubare il suo laptop con tutti i suoi segreti di lavoro.

I manager stavano assumendo droghe tra cui cocaina, ecstasy, marijuana, con i loro subordinati e un membro dello staff ha rubato una navetta per il trasporto di una festa e l'ha portata a fare un giro, scrive Isaac.

Sono stati persino trattati per una performance di Beyonce e Jay-Z, che hanno preso $ 6 milioni di azioni in Uber come pagamento che sarebbero aumentati del 50% in meno di un anno.

Uber ha anche affrontato scioperi e lamentele da parte dei suoi conducenti a causa dei suoi salari bassi e della mancanza di sussidi

I conducenti di Uber protestano davanti agli uffici di Uber l'8 maggio 2019 a Londra

Kalanick è stato preso di mira per aver cercato di aggirare il pagamento di sussidi, assicurazioni o tasse sul lavoro chiamando i suoi conducenti lavoratori a contratto anziché dipendenti

Kalanick iniziò a frequentare il pubblico delle celebrità e artisti del calibro di Sophia Bush ed Edward Norton divennero amici di lui. Leonard DiCaprio è stato anche un ospite frequente nella loro cerchia sociale durante questo periodo.

Gli amici temevano che Kalanick fosse una vittima della sindrome del ballerino aspirazionale come la chiamavano, essenzialmente un idiota con troppi soldi.

Ma a Kalanick non importava e adorava fare festa a Ibiza, dove ha incontrato Oprah Winfrey e ha cercato di convincerla a entrare nel consiglio di Uber. Quando ha rifiutato, ha invece reclutato Arianna Huffington.

Lo stile di vita di Kalanicks è sceso al suo staff che festeggiava e visitava così tanto gli strip club che le spese erano chiamate T * ts su Travis.

Il consumo di cocaina e alcol era comune negli uffici di Uber, così come le molestie sessuali.

In un ufficio in Thailandia un capo maschio ha costretto una dipendente donna a finire in un mucchio di cocaina e l'ha costretta a sniffarla davanti a loro.

Nel frattempo i soldi continuavano ad arrivare e un'iniezione di 3,5 miliardi di dollari da parte del governo saudita ha valutato Uber a 62,5 miliardi di dollari.

Per il suo 40° compleanno ha noleggiato più yacht nel Mar Egeo e ha volato su una sfilza di modellini per festeggiare.

Kalanick stava raccogliendo i frutti del suo successo, ma in seguito avrebbe dovuto affrontare un brusco risveglio quando i conducenti scontenti hanno organizzato scioperi a causa delle tariffe basse e dell'orario lungo di Uber.

Ma è stata la sua decisione di unirsi al consiglio tecnico di Donald Trump che ha segnato il suo destino e lo ha effettivamente costretto a dimettersi.

Il movimento #deleteuber è iniziato all'inizio del 2017 perché Ubers percepiva di incassare il divieto di Trump ai viaggiatori provenienti da paesi musulmani.

La sua immagine ha preso un altro colpo dopo che è stato visto urlare con arroganza contro un autista di Uber in un video pubblicato da Bloomberg

Dopo una serie di scandali di pubbliche relazioni, Kalanick ha incontrato gli investitori di Uber al Ritz Carlton di Chicago nel 2017, dove gli è stato detto di dimettersi. Rimane un membro del consiglio

Uber pensava che stesse aiutando a sbarazzarsi dell'aumento dei prezzi all'aeroporto JFK di New York durante uno sciopero dei normali tassisti, ma i critici lo consideravano opportunismo.

La campagna ha riassunto molte lamentele contro Uber; le pratiche di sfruttamento del lavoro, la cultura aziendale e, soprattutto, lo stesso Kalanick.

In una settimana 500.000 persone hanno cancellato il proprio account Uber.

Lyft ha distorto il coltello donando $ 1 milione all'American Civil Liberties Union che li ha fatti sembrare più socialmente consapevoli e li ha aiutati a ottenere altri $ 500 milioni in finanziamenti aggiuntivi.

Nello stesso anno, l'ex ingegnere di Uber Susan Fowler ha pubblicato un blog in cui descriveva in dettaglio le molestie sessuali che ha subito mentre lavorava in azienda ed è diventato virale.

L'unità delle operazioni oscure di Uber, nota come SSG, è diventata pubblica e i rapporti hanno rivelato che stava seguendo e scattando fotografie di funzionari che potrebbero potenzialmente regolamentare l'azienda.

I giornalisti hanno esposto il programma Ubers God Mode o Heaven che consente allo staff di tracciare gli utenti durante le corse in tempo reale su una mappa, così come un altro programma chiamato Hell, un tracker in tempo reale dei conducenti di Lyft, due scioccanti violazioni della privacy.

Poi c'era Greyball, la tecnologia che identificava le persone che lavoravano per i funzionari di transito o per la polizia e impediva loro di chiamare Uber in modo che non potessero far rispettare la legge.

Un altro scandalo è scoppiato quando Holzwarth, che ormai aveva rotto con Kalanick a causa dei suoi lunghi orari di lavoro, ha raccontato ai giornalisti di una notte in un bar karaoke di scorta in Corea del Sud, quando i dirigenti di Uber se ne andarono con delle prostitute di fronte a lui.

Bloomberg ha anche pubblicato un video girato da un autista di Uber che ha raccolto Kalanick e lo ha fatto a pezzi.

Kalanick ha gridato con arroganza all'autista che era da biasimare, aggiungendo: Ad alcune persone non piace assumersi la responsabilità della propria merda!

Isaac scrive che dopo aver visto il video Kalanick è caduto a terra davanti ad altri dirigenti e si è contorto dicendo: cosa c'è che non va in me?

Rachel Whetstone, responsabile delle pubbliche relazioni di Uber, ha fatto del suo meglio per consolarlo, dicendo: Non sei una persona terribile. Ma fai cose terribili.

Kalanick ha cercato di controllare i danni convincendo l'ex procuratore generale Eric Holder a scrivere un rapporto sulla cultura dell'azienda.

Ma alla fine Holder ha concluso che Uber doveva riformarsi completamente e Kalanick doveva andarsene.

Nel giugno 2017, Kalanick ha incontrato gli investitori di Uber al Ritz Carlton di Chicago, dove gli è stato detto di dimettersi. Rimane un membro del consiglio.