Seleziona una pagina

Un amante geloso che ha pugnalato a morte la sua ragazza e le sue due figlie in un hotel di New York è stato incarcerato a vita.

Michael Sykes, che ora ha 27 anni, ha accoltellato Rebecca Cutler più di 40 volte durante un attacco frenetico nel settembre 2016.

Ha anche pugnalato a morte sua figlia di un anno Ziana Cutler e Maliyah Sykes di quattro mesi, sua figlia biologica con lei, almeno cinque volte ciascuna.

Anche Miracle Cutler, l'altra figlia di Rebecca che all'epoca aveva due anni, è stata accoltellata 11 volte ma è sopravvissuta alle ferite riportate.

Michael Sykes è stato incarcerato a vita senza possibilità di libertà condizionale lunedì dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver accoltellato a morte la sua ragazza e due delle sue figlie (nella foto nel 2016)

Sykes ha affermato che la ragazza Rebecca Cutler (a destra) ha pugnalato lei stessa i bambini in una rabbia psicotica, ma i giurati lo hanno ritenuto colpevole dopo aver sentito che era geloso dei messaggi che ha trovato sul suo telefono

Gli avvocati hanno detto che Sykes era geloso dei messaggi che Cutler aveva ricevuto da un altro uomo e l'aveva aggredita per strada la notte prima dell'accoltellamento fatale.

Ha anche rubato il suo cellulare il giorno prima che fosse uccisa.

La famiglia è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza mentre entrava nel Ramada Inn a Staten Island, utilizzato come alloggio per senzatetto il 10 settembre, l'ultima volta che la famiglia è stata vista viva insieme.

Una governante ha scoperto i corpi di Cutler e delle sue due figlie insieme a Miracle gravemente ferita il giorno seguente e ha chiamato un'ambulanza.

Sykes, che era fuggito dalla scena, è stato arrestato tre giorni dopo e processato.

Al suo primo processo, Sykes ha affermato che Cutler era psicotico e ha attaccato lei stessa i bambini, dicendo che l'ha pugnalata a morte per legittima difesa.

Una giuria lo ha condannato per omicidio di secondo grado per la sua morte, ma si è bloccata sul fatto che avesse attaccato o meno i bambini.

I pubblici ministeri hanno cercato un nuovo processo per queste due accuse, prima che fosse ritenuto colpevole di aver ucciso Ziana e Maliyah e di aver tentato di uccidere Miracle, il mese scorso.

Cutler è stato accoltellato più di 40 volte durante l'attacco nel settembre 2016, mentre le figlie Ziana e Maliyah sono state accoltellate almeno cinque volte ciascuna (nella foto, l'arma del delitto)

La polizia ha trascorso tre giorni a caccia di Sykes dopo che è fuggito dalla scena dell'accoltellamento prima che fosse rintracciato a un indirizzo nel Queens (nella foto, la polizia durante la caccia all'uomo)

Il New York Daily News riporta che Sykes si rifiutò di partecipare al suo secondo processo e testimoniare, e si rifiutò anche di assistere alla sua condanna.

Alla fine, un giudice ha dovuto ordinare che fosse portato davanti al tribunale con la forza prima che mostrasse la sua faccia.

Si è seduto in silenzio mentre il giudice Mario F. Mattei lo ha condannato all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

La cugina di Culters che ha adottato il miracolo del bambino dall'attacco ha pianto mentre parlava fuori dal tribunale dopo la sentenza.

Ha detto che Miracle piange di notte e chiede di sua madre, e dice che vuole andare in paradiso a vivere con lei.

Ha aggiunto: Alcune mattine ci svegliamo con le lacrime agli occhi perché Ziana e Maliyah non frequenteranno mai la scuola materna, non giocheranno in un parco, impareranno ad andare in bicicletta, correre negli irrigatori e semplicemente si divertiranno a crescere ed essere bambini.

Non ci saranno più feste di compleanno, recital di ballo, liste di Natale, caccia alle uova di Pasqua, appuntamenti di gioco e attività familiari da condividere.

Le risate, gli abbracci, i baci e quelle opportunità per dire ti amo sono sparite per sempre. La nostra famiglia è distrutta.

Miracle Cutler, la terza figlia di Rebecca che aveva due anni al momento dell'attacco, ha subito 11 coltellate ma è sopravvissuta alle ferite ed è stata adottata da un cugino

L'attacco è avvenuto al Ramada Inn a Staten Island, utilizzato come alloggio per senzatetto