Seleziona una pagina

Le autorità hanno identificato un uomo che si è suicidato subito dopo l'11 settembre e ha acceso teorie del complotto su Internet sul suo presunto coinvolgimento negli attacchi, ponendo fine a una saga che ha confuso gli investigatori.

Il 17 settembre 2001, gli investigatori nello stato di Washington hanno trovato il corpo di un uomo che si era registrato in un motel ad Amanda Park con il nome di Lyle Stevik.

Gli agenti dello sceriffo scoprirono presto che Stevik, che si era impiccato nell'armadio della sua stanza di motel, era uno pseudonimo.

Avrebbero trascorso innumerevoli ore nel prossimo decennio e mezzo nel tentativo di accertare l'identità dell'uomo, secondo KXRO.

Su Reddit, i poster hanno fatto circolare teorie del complotto che ipotizzavano che l'uomo fosse legato ai dirottamenti delle compagnie aeree che hanno fatto crollare il World Trade Center e parte del Pentagono, secondo Mel Magazine.

Forse era di origine mediorientale ed era coinvolto nella pianificazione e nell'esecuzione dell'11 settembre, ha ipotizzato un utente di Internet.

Forse doveva martire se stesso e si sentiva in colpa per aver deluso i suoi compagni, oppure ha aiutato a pianificare l'evento, ha visto la distruzione che ha contribuito a creare e non è riuscito a gestire il senso di colpa.

Le autorità hanno identificato un uomo che si è suicidato più di 16 anni fa ma non ha lasciato traccia della sua vera identità. Le immagini sopra sono schizzi compositi di Lyle Stevik, uno pseudonimo, basato su informazioni sul DNA raccolte da DNA Doe Project

Le autorità non sono state in grado di accertare la sua identità per quasi due decenni. L'ufficio dello sceriffo di Grays Harbor nello stato di Washington ha chiesto l'aiuto del pubblico

Su Reddit, i poster facevano circolare teorie del complotto in cui si ipotizzava che l'uomo fosse legato ai dirottamenti delle compagnie aeree che hanno fatto crollare il World Trade Center e parte del Pentagono.

Infine, l'ufficio dello sceriffo della contea di Grays Harbor ha annunciato la scorsa settimana di aver identificato positivamente Stevik e di aver informato la famiglia dell'uomo in California.

Contrariamente alle teorie del complotto secondo cui era di origine mediorientale, gli analisti del DNA hanno scoperto che era in parte ispanico e in parte nativo americano.

L'ufficio dello sceriffo e l'ufficio del coroner della contea hanno affermato che l'interruzione principale del caso è arrivata all'inizio di quest'anno quando sono stati contattati dal progetto senza scopo di lucro DNA Doe Project.

DNA Doe Project è un'organizzazione di volontari che aiuta a identificare i morti senza nome in modo che i loro corpi possano essere restituiti alle loro famiglie.

L'organizzazione si è offerta di finanziare l'analisi del DNA di Steviks nella speranza di identificarlo in modo che i parenti più prossimi potessero essere informati.

Nel settembre 2001, il corpo dell'uomo è stato trovato impiccato nella sua stanza di un motel ad Amanda Park

Gli investigatori hanno trovato un pezzo di carta accartocciato che diceva suicidio e un biglietto piegato con le parole per la stanza conteneva $ 160

L'uomo non aveva un documento d'identità e il personale del motel non è stato in grado di riconoscerlo

L'ufficio del coroner ha obbedito, fornendo a DDP un campione di DNA.

Da quando ha ottenuto il campione il 20 marzo, il gruppo, che fa affidamento sulle donazioni del pubblico, ha affermato che circa 20 volontari hanno lavorato centinaia di ore per cercare di abbinare Stevik a una famiglia.

Soprattutto, il nostro successo è dipeso dalle innumerevoli persone che hanno effettuato test del DNA diretti al consumatore e che hanno caricato i loro risultati su GEDmatch, ha affermato l'organizzazione in una nota.

Hanno soppesato i rischi e i benefici e fortunatamente i benefici hanno vinto. Lyle ne è una prova.

Il gruppo afferma che la sua analisi del DNA di Steviks li ha portati a campioni forniti da parenti.

DNA Doe Project è un'organizzazione di volontari che aiuta a identificare i morti senza nome in modo che i loro corpi possano essere restituiti alle loro famiglie. Ha sollecitato fondi dai donatori e ha fatto lavorare i volontari per centinaia di ore prima che finalmente rintracciassero Stevik in una famiglia in California

Possiamo confermare che uno dei suoi nonni proveniva in effetti da Rio Arriba, nel New Mexico, dove hanno avuto origine molte delle sue famiglie di cugini del DNA, ha detto il gruppo.

Se c'è di più che possiamo condividere a un certo punto, lo faremo.

Infine, DDP ha trovato una possibile corrispondenza con una famiglia che vive in California.

Attraverso le impronte digitali fornite dalla famiglia agli investigatori dell'ufficio dello sceriffo, Stevik è stato identificato positivamente.

La famiglia ha detto di aver creduto per tutto questo tempo che Stevik fosse vivo, ma ha semplicemente scelto di non associarsi a loro.

Aveva 25 anni al momento della sua morte.

La famiglia ha chiesto che il vero nome di Steviks non venisse rilasciato.

Casi come questi sono strazianti, Margaret Press, co-fondatrice del DNA Doe Project.

Durante quelle centinaia di ore non ce n'era una in cui non tutti pensavamo alla famiglia che si era lasciato alle spalle. Sono ciò che ci ha fatto andare avanti.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia