Seleziona una pagina

David Sweat, il più famoso evaso di prigione d'America, spera di sposare la sua ragazza dietro le sbarre anche se la coppia non potrà mai vivere come marito e moglie.

Fran Malanik, madre divorziata, dice che la coppia ha discusso del matrimonio durante le sue visite bisettimanali e ora spera di andare avanti con una cerimonia.

Ama me e mia figlia di sei anni con tutto il suo cuore, ha detto Malanik in un'intervista esclusiva con DailyMail.com fuori dalla sua casa nello stato di Ovid, New York.

Mi fido di lui al 100 percento, ha aggiunto. Non porterei mia figlia in prigione a vederlo se pensassi per un secondo che era un pazzo pazzo che sarebbe arrivato attraverso il tramezzo e avrebbe iniziato a soffocarci.

Capisco come la gente si sente per lui. Agli occhi di tutti è un killer di poliziotti, una persona violenta, ma è così lontano da questo.

David ha il cuore più grande. È molto intelligente ed è solo un peccato che la sua vita venga sprecata lì dentro quando potrebbe essere così produttivo qui fuori.

Amore dietro le sbarre: Fran Malanik, 45 anni, dice di aver discusso del matrimonio con il fidanzato David Sweat durante le sue visite bisettimanali all'Attica Correctional Facility di New York

Detenuto: Sweat (nella foto in tribunale nel 2015) che sta attualmente scontando l'ergastolo per aver sparato a morte al vice Kevin Tarsia nel 2002, è scoppiato con un altro detenuto nel giugno 2015 e ha scatenato una caccia all'uomo di tre settimane

La madre divorziata ha detto a Dailymail.com che si fida pienamente dell'assassino condannato e insiste che lui ama lei e sua figlia di sei anni

I detenuti di New York possono sposarsi dopo aver ottenuto il permesso dalle autorità, sebbene a quelli nelle carceri di massima sicurezza come Sweat non siano consentite visite coniugali.

Sweat, un assassino di poliziotti che sta scontando l'ergastolo, ha guidato centinaia di agenti in una massiccia caccia all'uomo di tre settimane in tutto lo stato di New York dopo essere scoppiato con il collega assassino condannato Ricky Matt nel giugno 2015. Il governatore di New York Andrew Cuomo ha paragonato la fuga al film La redenzione di Shawshank.

Matt è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante la caccia, ma Sweat è stato ripreso ed è attualmente in sciopero della fame in una prigione ad Attica, New York, perché afferma che le guardie hanno minacciato di avvelenare il suo cibo.

Malanik dice che Sweat ha perso almeno 25 libbre. Mangia cibo che lei gli prende o compra dai distributori automatici della prigione e beve frullati proteici ma non ha mangiato cibo in prigione da quando ha iniziato lo sciopero pochi giorni prima del Ringraziamento.

Sembra uno scheletro, come qualcuno in un campo di concentramento, ha detto. In ogni lettera ora parla solo di cibo. Dice che se avesse avuto del cioccolato o delle banane lo mescolerebbe alle bevande e non avrebbero un sapore così cattivo.

Ma non può mangiare il cibo della prigione quando è stato minacciato di essere avvelenato.

Malanik, 45 anni, ha iniziato a scrivere a Sweat dopo essere stato ripreso e rinchiuso nella prigione di Five Points nel distretto dei laghi Finger di New York. Ad agosto, si è trasferita dalla sua casa a Long Island per affittare un appartamento con tre camere da letto a pochi passi dal suo amore incarcerato.

David Sweat (a sinistra) 37, è evaso di prigione con Richard Matt (a destra) nel giugno 2015. Matt è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante la caccia ma Sweat è stato ripreso

La polizia sta sopra David Sweat dopo che è stato colpito e catturato vicino al confine canadese tre settimane dopo. Il governatore di New York Andrew Cuomo ha paragonato la fuga al film The Shawshank Redemption

Avevo divorziato quando mi sono trasferita qui, ha detto. Non stavo lasciando nessuno indietro, ero una mamma single, ha detto a DailyMail.com.

Quattro mesi dopo Sweat, 37 anni, è stato trasferito in Attica, a quasi due ore di macchina.

Malanik dice di essere rimasta affascinata dai fuggitivi mentre erano in fuga e crede che Sweat non abbia sparato il proiettile che ha ucciso il vice Kevin Tarsia il 4 luglio 2002, e dovrebbe appellarsi contro la sua condanna all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Questo era il mio interesse principale quando ho iniziato a scrivergli, ha detto a DailyMail.com. Ho detto invece di evadere di prigione, perché non provi a farlo legalmente?

Ha incontrato Sweat per la prima volta nell'aprile 2017 e poi ha iniziato a fare il viaggio di sei ore a Five Points da Long Island il più spesso possibile. Calcola che ora lo ha visitato circa 100 volte.

E ha detto che è convinta che Sweat non la stia usando come ha usato Joyce Mitchell, l'impiegata carceraria che lui e Matt hanno sedotto per far entrare di nascosto strumenti in prigione per aiutare la loro fuga, e che ora sta scontando una pena detentiva fino a sette anni.

Malanik afferma che Sweat ha perso almeno 25 libbre dopo aver iniziato uno sciopero della fame dopo che le guardie avrebbero minacciato di avvelenare il suo cibo

Non mi metterebbe in una posizione come ha fatto con Blondie perché mi ama, ha detto. E cosa ci guadagnerebbe? Sembro un idiota che lo infilerebbe di nascosto con una lama da seghetto? Ho mio figlio di cui preoccuparsi.

Malanik, un'ex infermiera che ora vende articoli online, ha affermato che il Dipartimento di Correzione di New York vede il sudore come una responsabilità a causa della sua notorietà.

Nessuna regola si applica a David, ha detto. Non ha diritti costituzionali. È il tizio che ha messo in imbarazzo il Dipartimento di Correzione di New York. È il ragazzo che ha messo in imbarazzo Andrew Cuomo. A loro non importa cosa gli succede. A loro non importa se non mangia mai più. Semplicemente non gli importa.

Lo vogliono morto, ha aggiunto. Non gli importerebbe di meno. Se lo facessero non sarebbe seduto dove ora non è in grado di mangiare come tutti gli altri.

Sweat sta scontando l'ergastolo per aver sparato a morte al vice Kevin Tarsia (nella foto). Malanik crede che Sweat non abbia sparato il proiettile che ha ucciso il poliziotto

Dicono che non gli possa succedere nulla perché ci sono telecamere di sicurezza ovunque, ma le telecamere hanno punti ciechi. Ora posso vederlo Oops, è scivolato mentre camminava verso la doccia. Ops, si è rotto il collo. Scusate.

Ma mi dispiace non andare a lavorare quando succede qualcosa, ha aggiunto.

Ha detto di aver scritto numerose volte ai politici di New York e ad Anthony Annucci, il commissario del dipartimento di correzione ad interim, per lamentarsi delle minacce di avvelenamento.

Ricevo lettere che mi dicono Scusa, non possiamo aiutarti. Sto dicendo loro che la vita di quest'uomo è minacciata e che non può mangiare e tutto ciò che fanno è rispondere chiedendo scusa. È perché a nessuno importa dei prigionieri.

La conclusione è che David è proprietà dello stato e dovrebbe essere trattato con umanità. Se i CO minacciano di avvelenare il suo cibo, sbarazzati di quei CO o trasferiscili. Perché l'uomo non dovrebbe essere in grado di mangiare cibo?

Penso che qualcosa accadrà a David in Attica assolutamente

A Malanik è attualmente vietato visitare Sweat per 60 giorni a causa di un incidente in cui è stata accusata di averlo accarezzato. Il New York Post ha riferito di aver raggiunto attraverso una parete di vetro e di aver messo una mano sui suoi genitali.

Ma dice che stava controllando dopo che Sweat si era lamentato di avere un nodulo all'inguine.

Non l'ho afferrato, non l'ho palpato, ha detto. Si è alzato in piedi e non appena ho passato la mano ho pensato che forse non avrei dovuto farlo.

Joyce Mitchell, è l'impiegata carceraria che Sweat e Matt hanno sedotto portandoli in prigione di contrabbando per aiutarli a evadere, e che ora sta scontando una pena detentiva fino a sette anni (nella foto nel 2015)

Non si stava masturbando come se lo facesse davanti a tutti! È così umiliante per lui e per loro dire che ho dato una mano è ridicolo.

Ma Malanik ha detto di non essere stata scortata fuori dalla prigione e la sua visita è durata almeno un'altra ora. Le è stato detto che era stata preclusa solo quando è tornata in prigione cinque giorni dopo. Successivamente è stata informata per iscritto che non avrebbe potuto fargli visita di nuovo fino a metà maggio.

Ora sta chiedendo alla prigione di pubblicare un video dell'incidente che, secondo lei, la farà scagionare. Dev'esserci un video, ci sono telecamere dappertutto, disse.

Malanik crede che Sweat sia stato trasferito all'Attica, perché ha evidenziato falle di sicurezza a Five Points.

Il New York Times ha riferito a dicembre di aver incontrato gli ufficiali e di aver parlato loro dei difetti piuttosto che tentare un'altra fuga.

Aveva sperato di ricevere i privilegi per la divulgazione delle informazioni, ma invece è stato trasferito in quella che Malanik chiama la peggiore prigione dello stato, poche ore dopo l'incontro del 17 novembre.

Avrebbe potuto assolutamente uscire da Five Points, ha detto. Ha mostrato loro come uscirne. Ha dimostrato: è così che l'avrei fatto, è così che avrei potuto farlo.

Sweat era stato incarcerato nella prigione di Five Points nel Finger Lakes District di New York prima di essere trasferito in Attica (nella foto) a dicembre, a due ore di auto da Malanik

Ma non lo fece. Perché rischiare di farti uccidere di nuovo? È uscito la prima volta e lo hanno cacciato come un animale. Chi può dire che non l'avrebbero ucciso la prossima volta?

Tuttavia, il Dipartimento statale di correzione afferma che non c'era alcun merito nelle sue affermazioni ed è stato trasferito in Attica come parte di un trasferimento di routine di prigionieri che vede circa 5.000 detenuti spostati ogni mese.

Funzionari del Dipartimento di Correzione di New York hanno confermato l'incontro, ma hanno affermato che non c'era alcun merito per le affermazioni di Sweats. Dissero al Times: Per abbondanza di cautela e in accordo con la politica di revisione semestrale dei dipartimenti, Sweat è stato trasferito in Attica.

Il portavoce del dipartimento Thomas Mailey ha detto a DailyMail.com che non poteva commentare questioni riguardanti la salute di Sweats e non ha risposto alle domande riguardanti le sue affermazioni secondo cui era stato minacciato di avvelenamento.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia