Seleziona una pagina

Toyah Cordingley è stata uccisa mentre portava a spasso il suo cane a Wangetti Beach, nell'estremo nord del Queensland, nell'ottobre 2018

La famiglia della dog sitter uccisa Toyah Cordingley ha minimizzato le speranze che la principale sospettata nel suo caso possa mai affrontare un processo poiché affermano che la polizia è stata negligente con le prove vitali.

La mattina del 21 ottobre 2018 l'assistente della farmacia di 24 anni è stato trovato maltrattato e ferito con ferite violente visibili a Wangetti Beach, nell'estremo nord del Queensland.

Il suo corpo è stato scoperto nudo e parzialmente sepolto nelle dune di sabbia da suo padre quasi 12 ore dopo la sua scomparsa.

Rajwinder Singh, che è fuggito lo stesso giorno su un volo verso la sua nativa India, è una persona chiave di interesse, ma la polizia australiana non ha emesso alcun mandato di arresto o allerta rossa dell'Interpol.

La polizia indiana in precedenza aveva detto che lo avrebbe cercato volentieri, ma nessuno ha ufficialmente chiesto loro aiuto.

La cugina della signora Cordingley, Rachelle Foss, ha detto martedì che la sua famiglia non aveva ancora risposte e tutto ciò che era stato detto loro era che Singh era ricercato per essere interrogato.

Anche se viene trovato e viene rilasciato un mandato di arresto, la probabilità di farlo estradare in Australia sarà un processo molto lungo e lungo, ha detto in un post sui social media.

La sig.ra Foss ha poi criticato l'operazione della polizia del Queensland per la gestione dell'operazione.

Il corpo della signora Cordingley è stato ritrovato nudo e parzialmente sepolto tra le dune di sabbia, mentre il suo cane è stato trovato legato a un albero vicino

La cugina della signora Cordingley, Rachelle Foss martedì, ha detto che tutto ciò che la sua famiglia conosceva era la persona di interesse Rajwinder Singh che è fuggita in India il giorno in cui il suo corpo è stato trovato era ricercato per essere interrogato

La polizia australiana non ha ancora emesso un mandato d'arresto o richiesto un allarme rosso globale dell'Interpol per Singh, fuggito in India il giorno dopo il ritrovamento del corpo della signora Cordingley

Come membro della famiglia e conoscendo i primi dettagli del caso il primo giorno, sento fortemente che la polizia è stata molto negligente con alcune delle prove, ha scritto.

La cugina non ha spiegato come credeva che la polizia avesse pasticciato le indagini.

La signora Foss ha anche preso di mira i media dicendo che prove cruciali sono trapelate ai media nei primi giorni, il che ha reso il lavoro degli investigatori molto più difficile di quanto non fosse già.

La polizia del Queensland nel dicembre 2018 ha criticato i resoconti dei media secondo cui un sospettato chiave nell'omicidio di 24 anni era fuggito dall'Australia in seguito alla sua morte.

Nelle settimane successive all'omicidio di suo cugino, la signora Foss aveva condiviso una fotografia della giovane donna circondata da girasoli, insieme a un post in cui ricordava il suo familiare puro, spirito libero e gentile.

Mi sento così profondamente per le famiglie e gli amici dei propri cari che non sono mai stati trovati, ha scritto la signora Foss nel suo ultimo post.

Il non sapere, non posso nemmeno immaginare. Come famiglia siamo così grati di aver potuto dire addio.

La signora Cordingley è stata uccisa mentre portava a spasso il cane del suo ragazzo a Wangetti Beach, nell'estremo nord del Queensland, la mattina del 21 ottobre 2018. Nella foto con suo padre Troy

Ha esortato chiunque avesse informazioni sul caso a contattare Crime Stoppers.

Se qualcuno ha informazioni su cosa è successo a Toyah Cordingley, la polizia ha chiesto loro di chiamare il 131 444.

Il Daily Mail Australia ha contattato il servizio di polizia del Queensland per un commento.

Le autorità non possono arrestare Singh che vive da uomo libero in India senza un ordine ufficiale, riporta il Courier Mail.

La polizia del Queensland si è rifiutata di rivelare i dettagli dell'indagine o di commentare il motivo per cui non è stata avviata una caccia all'uomo formale per Singh.

Si tratta di una complessa questione in corso in cui la polizia sta adottando un approccio adeguatamente approfondito a tutti gli aspetti delle indagini, ha affermato la polizia in una nota.

La polizia ha precedentemente criticato i resoconti dei media secondo cui un sospettato chiave nell'omicidio di 24 anni era fuggito dall'Australia in seguito alla sua morte

Si ritiene che l'infermiera Singh abbia lasciato il suo lavoro di infermiera a tempo pieno all'ospedale di Innisfail, ha abbandonato sua moglie e suo figlio ed è fuggita in India il giorno in cui il corpo è stato trovato.

L'anno scorso un portavoce della famiglia ha detto che Singh, che ha lavorato come infermiera all'Innisfail Hospital, potrebbe nascondersi in un tempio sikh.

Se qualcuno vuole nascondersi, è facile nascondersi in India, ha detto il portavoce.

Potrebbe trovarsi in uno qualsiasi delle migliaia di templi sikh, dove può vivere sotto una falsa identità e trovare lavoro, cibo e vitto gratis.

Singh ha una famiglia allargata che vive nella sua città natale di Amritsan, nello stato del Punjab, vicino al confine pakistano a circa 450 km a nord della capitale dell'India, Nuova Delhi.

Alla fine dell'anno scorso, lo zio di Singh ha detto a 7News che Singh non era stato in contatto con la famiglia lì.

L'ispettore Harsandeep Singh della polizia del Punjab ha detto che erano qui per avere giustizia e pronti a indagare, ma anche se avessero visto Singh, non avrebbero potuto arrestarlo senza alcun ordine o richiesta.

Non c'è nessun caso contro Rajwinder Singh nella nostra stazione di polizia. È pulito come te e me. Per noi in questo momento è un cittadino rispettoso della legge di questo paese, ha detto al Sunday Mail.

La signora Cordingley è raffigurata insieme al suo fidanzato Marco Heidenreich

Si ritiene che sia estremamente difficile estradare i fuggitivi dall'India.

La famiglia e gli amici della signora Cordingley hanno promesso di non rinunciare mai alla caccia alla giustizia.

Più di 100 persone si sono radunate lo scorso ottobre per inaugurare un memoriale in occasione dell'anniversario della sua morte, non lontano dal luogo in cui è stata uccisa.

Giorni dopo, vandali senza cuore hanno abbattuto uno striscione con sopra la faccia della signora Cordingley.

Hanno anche gettato ninnoli lasciati sul sito dai propri cari in un cestino vicino.

Più di 100 persone si sono radunate lo scorso ottobre per inaugurare un memoriale in occasione dell'anniversario della sua morte, non lontano dal luogo in cui è stata uccisa

Se qualcuno ha informazioni su cosa è successo a Toyah Cordingley (nella foto), la polizia ha chiesto loro di chiamare il 131 444. Puoi rimanere anonimo

L'amico di famiglia Wayne Prong Trimble ha notato che lo striscione stampato per aiutare a catturare l'assassino era scomparso.

Ha chiesto ai colpevoli di farsi avanti.

Qualcuno conosce i criminali che hanno rubato lo stendardo di Toyah vicino al suo monumento negli ultimi due giorni? ha chiesto su Facebook.

Quello striscione è stato dato alla famiglia di Toyah per appenderlo lì. Lo rivogliamo Rimettilo a posto per salvarti la vita se vale la pena salvarlo. Sono incazzato.

Steve Parsonage del Copy Shop Business Center ha stampato un nuovo striscione al suo posto.

Ne diede uno anche ai suoi genitori devastati, Troy e Vanessa Cordingley.

Il sito ha anche una lapide commemorativa e un'area su cui i visitatori possono sedersi.

Cronologia dell'omicidio di Toyah Cordingley sulla spiaggia di Wangetti

12-13, 21 ottobre: ​​Toyah Cordingley va a fare shopping ai Rustys Markets nel centro di Cairns

12:40: viene filmata dalle telecamere a circuito chiuso che attraversa Sheridan Street vicino ai mercati

13:00: la signora Cordingley va a casa sua a Cairns, dove potrebbe essersi cambiata i vestiti, prima di partire alle 13:30

13:20: una famiglia di quattro persone viene vista mentre fa un picnic sulla spiaggia di Wangetti. La polizia ha chiesto loro più volte di farsi avanti con informazioni.

14:00: La signora Cordingleys 2009 blu Mistubishi Lancer con la targa TOY 146 è vista a Clifton Beach, a circa metà strada per Wangetti

14-14:30: La signora Cordingley arriva alla spiaggia di Wangetti e parcheggia nel parcheggio sud. Porta il suo ragazzo, il cane Jersey, a fare una passeggiata sulla sabbia e non viene più vista viva

22:50: la sua famiglia denuncia la sua scomparsa dopo che non è tornata a casa

7:45, 22 ottobre: ​​il padre della signora Cordingley, Troy, trova il suo corpo tra le dune di sabbia, a 800 metri dalla sua auto, mentre la cerca con una squadra di ricerca