Seleziona una pagina

Il nipote di Rose West è stato oggi incarcerato per 18 anni per aver rapito una bambina fuori dalla strada, riempita di alcol, cocaina e cannabis prima di violentarla.

Steven Letts, 39 anni, si è avventato sulla vulnerabile ragazza di 12 anni nel centro di Gloucester, ma ha insistito sul fatto che era un buon samaritano e ha detto che credeva che avesse più di 16 anni.

Ma una giuria ha impiegato solo 90 minuti per condannarlo per rapimento e stupro dopo un processo di sei giorni.

Incarcerandolo per 18 anni oggi, il giudice Jamie Tabor QC ha bollato il criminale in carriera come un bugiardo compulsivo volatile.

In un'eco straziante dei suoi spregevoli parenti Fred e Rose, Letts ha aggredito la sua vittima vulnerabile con alcol e droghe, l'ha attirata nel suo appartamento e l'ha violentata, nel marzo di quest'anno.

Steven Letts, 39 anni, si unisce alla depravata zia Rose West dietro le sbarre oggi dopo essere stato condannato a 18 anni per aver rapito una ragazza di 12 anni nel centro di Gloucester e averla violentata

L'attacco spietato è stato compiuto nella stessa città in cui la zia Lettss Rose West ha operato con il marito depravato Fred.

È stata rinchiusa a vita per il ruolo che ha interpretato nel violento omicidio di dieci giovani donne vittime negli anni '70.

Steven Letts ha afferrato la ragazza dall'esterno di una casa per bambini, l'ha riportata a casa sua, l'ha riempita di vodka e cannabis e poi l'ha violentata.

Il momento agghiacciante in cui si è avventato è stato catturato dalle telecamere a circuito chiuso.

In tribunale oggi è stato condannato non solo per quei reati, ma anche per un precedente terrificante furto aggravato di una casa a Gloucester quando una giovane coppia e i loro due figli sono stati minacciati con un coltello.

Ha anche dovuto essere condannato per una serie di altri reati non correlati di possesso di un coltello in pubblico, furto di biciclette, equipaggiamento per furto, possesso di eroina, possesso di un'arma offensiva, manipolazione di beni rubati e violazione di una pena detentiva sospesa.

Letts ha rifiutato di essere trasportato in tribunale oggi per la condanna e invece è stato guardato tramite collegamento video dalla prigione di Bristol.

Ma durante l'udienza si è arrabbiato e ha iniziato a inveire quando il giudice Jamie Tabor QC ha suggerito che stava mentendo sul fatto di essere stato vittima di aggressioni prima sia dello stupro che dei reati di furto con scasso.

Il giudice ha ordinato di spegnere il microfono di Letts e l'udienza è continuata con lui che apparentemente continuava a gridare fino a quando non si è precipitato fuori dalla suite video della prigione.

Annunciando la sentenza di Letts, il giudice ha affermato di averlo studiato nel corso di due processi e di aver concluso che è un uomo molto instabile, è un bugiardo compulsivo e un uomo immerso nell'uso di droghe.

Ha abbandonato il suo primo processo quando ha iniziato a ricevere domande imbarazzanti dall'avvocato dell'accusa e ha rifiutato di presentarsi in tribunale oggi. È apparso tramite collegamento video ma poi, dopo un periodo relativamente breve, ha perso di nuovo la calma e ha iniziato a inveire per il collegamento video prima di tornare nella sua cella, ha detto il giudice.

Il momento agghiacciante in cui si è avventato è stato catturato dalle telecamere a circuito chiuso (nella foto) ha affermato di essere un buon samaritano quando in realtà stava pianificando di attaccarla

Ha detto che ha accettato che la vittima di stupro sembrasse e suonasse molto più vecchia di 12 anni e il suo linguaggio volgare avrebbe fatto arrossire il sergente maggiore.

Sono soddisfatto che Letts credesse che avesse 15 anni, ha detto.

Ma questa è l'unica mitigazione che posso dire. Ha detto alla giuria che sentiva di avere il dovere di prendersi cura di lei perché era stato abusato verbalmente dal suo tutore, ma lo rifiuto completamente.

Steven Letts è il nipote del serial killer Rose West, condannato per 10 omicidi nel 1995. Nella foto è raffigurato con Fred West, condannato per 12 omicidi

Questo è stato un commento abbastanza notevole perché l'ha deliberatamente indotta a lasciare la sua badante mentre era al porto e poi poche ore dopo l'ha riportata al suo appartamento, le ha dato cocaina, cannabis e alcol e ha continuato ad avere rapporti con lei.

Dire che aveva un dovere di cura nei suoi confronti era niente di meno che straordinario.

Era molto vulnerabile. Paradossalmente, una delle sue vulnerabilità è che sembrava più vecchia di quanto non fosse.

Letts, di Gloucester, è il figlio di Graham Letts, fratello di Rose West. Sua madre Barbara Letts è stata in tribuna pubblica a corte per tutto il processo.

Durante il processo per stupro e rapimento la scorsa settimana Letts ha accettato che la ragazza fosse tornata nel suo appartamento con lui, ma ha insistito sul fatto che non aveva alcun contatto sessuale con lei.

Ha detto che non l'aveva rapita e che si era aggrappata a lui per strada perché il suo operatore di supporto era prepotente e aggressivo nei suoi confronti.

In evidenza, Letts ha affermato che si stava comportando da buon samaritano quando ha accettato di portare la ragazza a casa con sé.

Era rimasto scioccato dal modo in cui la sua badante le aveva parlato e sentiva di avere il dovere di prendersi cura di lei, ha detto.

La ragazza gli ha detto quando era a casa sua che aveva 15 anni, ha detto. Ha detto alla giuria che le aveva permesso di rimanere nell'appartamento per diverse ore, ma che intendeva portarla in una vicina stazione di polizia ed è stato arrestato mentre stava per farlo.

Steven Letts è il figlio separato del fratello di Rose Wests Graham (nella foto con sua moglie Barbara) che oggi avrebbe circa 60 anni

Non aveva somministrato droghe o alcol alla ragazza né aveva fatto sesso con lei, ha detto. Ma aveva abusato della sua ospitalità quando lui era fuori dal suo appartamento in tre occasioni durante quella notte, servendosi di vodka e una canna di cannabis, ha aggiunto.

La giuria di sei uomini e sei donne ha emesso verdetti di colpevolezza su entrambe le accuse di rapimento e stupro entro 90 minuti dal ritiro la scorsa settimana.

Quattro agenti di sicurezza hanno affiancato Letts sul banco degli imputati mentre i verdetti venivano pronunciati, ma lui è rimasto calmo e composto e ha mostrato poca reazione.

Sua madre gridò: Combatti contro di lui mentre veniva portato nelle celle.

La zia di Letts, Rose West, è stata condannata nel 1995 per l'omicidio di dieci ragazze e sta scontando l'ergastolo. Suo marito Fred West stava affrontando 12 accuse di omicidio quando si è suicidato in prigione.

LE TRAGICHE VITTIME DEGLI ASSASSINI DELLA CASA DEGLI ORRORI

Rose West (a sinistra) è nata Rosemary Letts a Northam nel Devon da William Letts e Daisy Fuller. La maggior parte degli omicidi è avvenuta tra il maggio 1973 e l'agosto 1979 nella loro casa di Cromwell Street, Gloucester. Fred West (a destra) si è ucciso nella prigione di Winson Green, Birmingham

Sebbene Fred West sia stato condannato per aver ucciso 12 donne e Rose 10, si pensa che la coppia ne abbia uccise fino a 20 in più.

Una vittima che è stata quasi certamente uccisa da West è stata la sua ex fidanzata Anne McFall che, come le altre, è stata trovata in una fossa poco profonda con parti del corpo mancanti. Ovest lo ha negato.

La coppia waped ha usato le fruste per torturare le loro vittime così come i loro stessi figli.

Fred West si suicidò impiccandosi in una cella di prigione nel gennaio 1995 prima di poter essere processato per gli omicidi.

Rose West è ancora prigioniera presso l'HMP Low Newton a Durham, essendo stata consegnata una rara tariffa a vita intera per la sua parte negli omicidi.

Le vittime confermate includono:

Charmaine West, otto anni: la figliastra di Fred West dal suo primo matrimonio, Charmaine è stata uccisa da Rose nel 1971 mentre Fred era in prigione.

Rena Costello, 27 anni: la madre di Charmaine Rena, la prima moglie di Fred, è stata uccisa quando è arrivata a prendere sua figlia Charmaine nell'agosto 1971. Con Charmaine già morta, si pensa che Fred l'abbia uccisa per evitare un'indagine.

Lynda Gough, 20 anni: la signorina Gough era un'inquilina nella casa dei West ed è stata uccisa nell'aprile 1973. Rose ha detto a sua madre che si era trasferita a Weston-super-Mare.

Carol Ann Cooper, 15 anni: L'adolescente è scomparsa mentre tornava a casa dal cinema alla sua casa dei bambini di Worcester nel novembre 1973. I suoi resti sono stati trovati sepolti nel giardino di Wests.

Lucy Partington, 21 anni: Dopo aver trascorso il Natale con la sua famiglia a Cheltenham, la signorina Partington è scomparsa dopo essere partita per prendere un autobus. La studentessa era cugina del romanziere Martin Amis e sorella dell'autrice Marian Partington.

Therese Siegenthaler, 22: La studentessa di South London è stata uccisa nell'aprile del 1974 dopo essere scomparsa mentre tentava di fare l'autostop in Irlanda.

Shirley Hubbard, 15 anni: una delle vittime più giovani del West, è scomparsa mentre tornava a casa dal college a Droitwich. Quando il suo corpo è stato scoperto, la sua testa era completamente ricoperta di nastro adesivo con un tubo di gomma messo in bocca per consentirle di respirare.

Juanita Mott, 18 : Miss Mott, una ex inquilina al 25 di Cromwell Street, viveva a Newent quando è scomparsa.

Shirley Robinson, 19: Un'altra inquilina, la signorina Robinson, è stata uccisa nel 1978 dopo essere rimasta incinta del figlio di West.

Alison Chambers, 17 anni: L'adolescente scomparve nell'agosto del 1979 e i suoi resti furono successivamente ritrovati sotto il patio al 25 di Cromwell Street.

Heather West, 17 anni: ripetutamente violentata da suo padre, Heather si è lamentata con gli amici degli abusi ed è stata uccisa dai suoi genitori nel tentativo di tenerla tranquilla.