Seleziona una pagina

Una donna canadese che ha lanciato un'inquietante filippica razzista su un automobilista asiatico durante una disputa sul parcheggio del venerdì potrebbe presto essere incriminata.

Carla Waldman, di Richmond, nella Columbia Britannica, ammette di essere la pensionata bianca che urla insulti razzisti e attacchi xenofobi a una donna asiatica di nome Amy Xu venerdì pomeriggio, secondo la Canadian Broadcasting Corporation.

Xu ha detto alla CBC che lei e sua figlia di tre anni hanno portato la madre di Xus a un appuntamento dal medico in un ufficio del centro commerciale prima di tornare e trovare il paraurti di qualcun altro esteso oltre la linea del parcheggio designato e toccare il paraurti del loro veicolo.

Xu aspettò che l'autista dell'altro veicolo, che si rivelò essere Waldman, tornasse prima di affrontarla sulle sue scarse capacità di parcheggio.

Una donna canadese che ha lanciato un'inquietante filippica razzista su un automobilista asiatico durante una disputa sul parcheggio del venerdì potrebbe presto essere incriminata

Carla Waldman (in alto), di Richmond, British Columbia, ammette di essere la pensionata bianca che urla insulti razziali e attacchi xenofobi a una donna asiatica di nome Amy Xu venerdì pomeriggio

Dopo essere tornati al loro veicolo nel parcheggio, Xu ha visto che il paraurti di qualcuno stava toccando il suo e ha aspettato di affrontare l'autista dell'altra macchina

Waldman ha ammesso alla Canadian Broadcasting Network di essere l'altra pilota di auto

Waldman viene visto in video mentre chiama Xu, una cinese chinky e eccentrica, fottuta c*nt, e le dice di tornare in Cina a cui appartieni

Ha registrato l'argomento che ne è seguito sul video del cellulare prima che fosse caricato sull'app mobile WeChat dove è diventato virale ed è finito su YouTube, Facebook, Twitter e Instagram.

Il video inizia con Waldman che insulta Xu mentre torna alla sua macchina.

Non ti vogliamo qui perché non sai guidare, paradossalmente Waldman dice a Xu prima di usare la lingua e le labbra per soffiare un lampone alla donna asiatica come un personaggio dei cartoni animati.

Xu sposta la telecamera sul paraurti anteriore di Waldman, che viene visto esteso sopra il suo indicatore di parcheggio e tocca il veicolo Xus.

Vedi? Hai superato il limite, dice Xu a Waldman.

Ho superato il limite! Waldman risponde con una voce acuta e beffarda.

Non sai un accidente di niente. Torna in Cina, dove appartieni, fottuto buco del cazzo, continua.

Waldman chiama anche Xu a, Chinky, Chinky, China lady, durante il video.

Sai cosa? Dai a queste persone una brutta reputazione qui. Vi odiamo gente. Torna dove appartieni. Vaffanculo, fottuto stronzo! aggiunge prima di salire finalmente in macchina e iniziare ad allontanarsi.

Xu si rifiuta di rispondere alla telecamera allo sbarramento bigotto di Waldman, dicendo a un giornalista che ha invece scelto di prendersi cura del suo bambino spaventato.

Mia figlia era così spaventata, ha detto alla CBC. La prima cosa che dovevo fare era calmare mia figlia, non discutere con lei. Sono ancora arrabbiato per questo. Mio figlio era lì e questo è un pessimo esempio per lei. Era spaventata e non riesce a dormire adesso.

Il marito di Xus, Fang Xu, ha detto di aver presentato una denuncia formale alla polizia di Richmond sabato mattina.

La polizia ha detto che stanno indagando sull'incidente.

Una donna che si è identificata come Waldman ha confessato al telefono alla CBC di essere quella nel video e ha ammesso che la sua auto stava toccando la targa di Xus.

Ma la pensionata ha anche negato di essere razzista e ha detto di non rimpiangere il linguaggio che ha usato.

Non rimpiango nulla di ciò che le ho detto perché era una persona molto cattiva, ha detto Waldman. Non mi interessa come mi chiamano. Non sono una persona razzista.

Due giorni dopo che l'incidente è diventato virale, la pagina Facebook di Waldman è stata inondata di commenti negativi definendola razzista

Molti utenti dei social media non sono d'accordo.

Due giorni dopo che l'incidente è diventato virale, la pagina Facebook di Waldman è stata inondata di commenti negativi definendola razzista.

Ironia della sorte, la pagina Facebook di Waldman indica anche che è una forte sostenitrice di Israele e del suo primo ministro Benjamin Netanyahu e fermamente contraria all'antisemitismo.

Le sono piaciute almeno 10 pagine di affinità ebraiche e/o legate a Israele su Facebook.

Nel 2017, ha condiviso una petizione su Change.org, ora defunta, chiedendo ai funzionari della città di Peterborough, nell'Ontario, di negare il permesso a un'organizzazione neonazista nota come Canadian Nationalist Front di ospitare una manifestazione nella loro città.

Toronto City News riporta che la città ha rifiutato di concedere un permesso all'organizzatore bigotto della manifestazione.

Alla fine, la prevista manifestazione anti-immigrazione è stata annullata dal suo creatore a causa di problemi di sicurezza pubblica in mezzo a un enorme contraccolpo da parte dei contromanifestanti.

Waldman non ha risposto alle richieste di commento del Daily Mails domenica sera.