Seleziona una pagina

Olivia Channon (nella foto) era la figlia di Paul Channon, ritenuto il membro più ricco del gabinetto della signora Thatchers, ed è morta per overdose 32 anni fa

La vita sociale per i pochi ricchi e privilegiati dell'Università di Oxford nel 1986 potrebbe essere meglio descritta come Brideshead Revisited with hair gel. Margaret Thatcher era al culmine dei suoi poteri e, liberi dai sensi di colpa socialisti degli anni Settanta, i ricchi studenti universitari che popolavano i vicoli sotto le guglie sognanti assecondavano i loro gusti all'eccesso e oltre.

Olivia Channon e i suoi eredi sociali della tradizione Brideshead, per non parlare di un sacco di soldi fiduciari, hanno portato questa licenza per l'edonismo al limite.

Lo champagne scorreva in mezzo a una nebbia di eroina e cocaina durante gli incontri notturni e le feste dissolute nelle stanze del college. L'eroina veniva sempre fumata piuttosto che iniettata, essendo quest'ultima considerata appannaggio dei membri meno dorati della società.

Olivia Ollie per i suoi amici era la figlia di Paul Channon, allora segretario al commercio e all'industria e presumibilmente il membro più ricco del gabinetto della signora Thatchers. Attraverso sua madre, Channon era un membro della dinastia dei produttori di birra Guinness e Olivia riceveva un generoso fondo fiduciario che le consentiva di acquistare una casa a Oxford, dove viveva.

Una studentessa di storia a St Hildas, Olivia stava, a 22 anni, iniziando una vita che un giorno avrebbe potuto stabilirsi e svilupparsi lungo le linee convenzionali dell'alta borghesia, maturando, forse, in un marito, figli e cani e una grande casa a Paese.

Non ce l'ha mai fatta.

Dopo la fine delle sue finali, si è abbuffata di alcol e droghe a una festa organizzata da un amico nella sua stanza a Christ Church, il college più imponente di Oxford.

Il suo corpo è stato scoperto la mattina seguente da Nicholas Vincent, un laureato che l'aveva istruita nella storia e aveva dormito accanto a lei, ignaro della sua difficile situazione. Olivia aveva vomitato mentre era priva di sensi ed era morta soffocata.

La sua prematura scomparsa ha sbalordito l'alta società e scioccato il paese. La tragedia ha sollevato il coperchio su uno squallido mondo di un'élite privilegiata che spaccia droghe di classe A e ha suscitato domande approfondite su come una ragazza dotata avrebbe potuto buttare via la sua vita solo per un altro sballo.

La sua morte fu seguita da una serie di arresti, tra cui quello del conte Gottfried von Bismarck, amico di Olivia e pronipote di Otto von Bismarck, il Cancelliere di Ferro che forgiò gli stati della Germania in un unico impero.

Era nelle stanze di Gottfried che Olivia aveva incontrato la sua fine, ma von Bismarck è scappato con solo una piccola multa per possesso.

Gottfried von Bismarck e Rosie Johnston (nella foto) sono stati entrambi implicati nella morte di Miss Channon, von Bismarck è morto nel 2007 e Rosie ora consiglia i giovani delinquenti

Anche Sebastian Guinness, cugino di Olivia e collega della famiglia allargata dei produttori di birra, è stato arrestato dalla polizia. Era stato anche alla festa fatale nella stanza di von Bismarcks e in seguito fu incarcerato per quattro mesi per possesso.

Nicholas Vincent, il 24enne che ha scoperto il corpo di Olivia sdraiato accanto a lui su un letto, è stato accusato di possesso di anfetamine.

Ma è stata la sua migliore amica Rosie Johnston a sopportare il peso maggiore della copertura della stampa. Fondamentalmente, per volere di Olivia, Rosie aveva fornito la soluzione fatale alla sua amica e aveva ricevuto una condanna a nove mesi di reclusione per aver fornito droghe.

All'inizio di questo mese, Rosie ora Rosie Smith dopo il suo secondo matrimonio ha fatto una rara incursione alla ribalta per mettere in guardia sui pericoli dell'abuso di droghe e insistere sul fatto che è inutile mandare i tossicodipendenti in prigione.

La prigione ha peggiorato [la mia dipendenza], ha detto in un'intervista a un giornale. Non c'era assolutamente alcun aiuto. Non c'è stata una riunione di AA (Alcolisti Anonimi) o una riunione di NA [Narcotici Anonimi].

Ho iniziato a bere quando sono uscito subito.

Il suo controverso intervento nel dibattito sulla droga ha nuovamente sollevato lo spettro del circolo non così incantato che un tempo circondava Olivia. Allora cosa diavolo è successo a tutti loro?

Oggi, Rosie conduce la vita contenta che la sua defunta migliore amica avrebbe potuto sperare.

Madre di un figlio di 20 anni del suo defunto primo marito, Adam Gardner, un uomo d'affari morto improvvisamente per insufficienza cardiaca all'età di 40 anni, è ora sposata con Hugo Smith, un proprietario terriero del Suffolk e guardiano della chiesa. Rosie è una scrittrice e consiglia anche i giovani delinquenti.

Il mese prossimo si rivolgerà ai genitori che partecipano alla conferenza Courageous Conversations presso il collegio di Milton Abbey a 36.000 anni all'anno nel Dorset. Il pericolo della dipendenza adolescenziale, avverte il suo pubblico, è più grande che mai.

Quando mi drogavo, quando ero più giovane, era piuttosto difficile reperirle, ha detto. Dovevi darti le spalle e sederti in una specie di pub squallido a Deptford [South-East London] per tre ore, aspettando che arrivasse qualcuno.

Sebastian Guinness, cugino di Olivia e compagno di famiglia allargata, ora divide il suo tempo tra l'Irlanda e Cadaques in Catalogna con il suo partner spagnolo

Non è così adesso. Le droghe sono incredibilmente disponibili e facilmente ottenibili. I giovani usano il dark web. La gente riceve consegne a casa.

Rosie, il cui padre Nicholas era un architetto e la madre Susanna una scrittrice, era intrisa di ladri con Olivia a scuola, dove un'altra amica era Lady Helen Windsor (ora Taylor), figlia del duca e della duchessa di Kent. Olivia e Rosie condividevano la casa di Oxford acquistata dalla famiglia Channon.

Per loro, la vita a Oxford (Rosie era una studentessa al Manchester College) era, insisteva, lontana dal jet-set nonostante i circoli aristocratici in cui si muoveva.

I Bullingdon erano quelli veloci e furiosi, mentre noi giravamo per i pub in Botley Road [la strada principale che attraversa la città], ha detto Rosie. Non stavamo tutti facendo eroina che era l'idea sbagliata comune.

Il torrente di critiche che seguì la sua condanna la fece mettere in discussione il suo stesso carattere.

Ho passato anni aggrappandomi alla convinzione che dovevo essere così cattiva come credevo che tutti gli altri pensassero che fossi, ha ricordato. Di conseguenza, credevo di non essere capace di nulla. Ora, so di avere qualcosa di positivo da dare. È fantastico poter mettere a frutto la mia esperienza.

La vita di Gottfried von Bismarcks, tuttavia, non sarebbe finita così felicemente. Membro della società gay Piers Gaveston di Oxford, nota per le sue feste dissolute, il conte è stato visto in un'occasione passeggiare per la città universitaria vestito da suora.

Un epico drogato e bevitore a Oxford, indossava anche calze a rete e lederhosen e indossava il rossetto quando organizzava cene stravaganti, inclusa una dominata da un paio di teste di maiale mozzate.

Affascinante ma dai gusti estremi, è il verdetto di chi lo ha conosciuto. Affabili, divertenti, ma oscuramente complessi erano i verdetti degli altri.

L'autoindulgenza di von Bismarck conosceva pochi limiti. Durante una festa nel suo appartamento a Londra, nel salotto sono stati disposti dei sacchetti della spazzatura per proteggere il pavimento dai litri di champagne consumati. Divenne così scivoloso che un ospite scivolò fuori dalla finestra e scomparve oltre il balcone in strada.

Nessuno se ne è accorto anche se fortunatamente l'ospite è sopravvissuto.

Della morte di Olivia, von Bismarck in seguito ammise di non essere mai riuscito a sfuggire allo scandalo. Fu accusato nel corso degli anni di aver recato disgrazia alla sua famiglia motivo di grande angoscia.

Lady Helen Taylor (nella foto) è stata lasciata senza speranza alla morte della sua amica, ora ha sposato il proprietario della galleria d'arte Tim Taylor e hanno quattro figli

Tutta questa cosa ha cambiato completamente la mia vita, ha detto dopo la sua condanna. Ho imparato molto sulla dipendenza e ho intenzione di cambiare.

Trascinato nella tenuta di famiglia in Germania dopo la morte di Olivias, in una certa misura è riuscito a rimettersi in sesto e ha continuato a perseguire una carriera di successo nelle telecomunicazioni negli anni Novanta. Ma i suoi demoni e la sua decadenza inevitabilmente riemersero. Nel 2006, un uomo di 38 anni, Anthony Casey, è morto dalla terrazza sul tetto di un appartamento da 5 milioni di von Bismarcks a Chelsea dopo aver sniffato cocaina durante una festa di sesso gay. Il conte era uscito negli anni Novanta.

L'anno successivo, lo stesso von Bismarck fu trovato morto nella sua casa di Londra. Un patologo ha detto all'inchiesta che l'aristocratico 44enne si era iniettato cocaina ogni ora nei giorni precedenti la sua morte e che il suo corpo conteneva la dose più alta della droga che avesse mai incontrato.

La vita si è rivelata più felice per l'onorevole Sebastian Guinness, che era il fidanzato di Rosie Johnston al momento della morte di Olivia. Figlio del barone Moyne, banchiere d'affari e membro anziano della famiglia Guinness, è imparentato con Max Mosley, l'ex magnate delle corse automobilistiche multimilionario che finanzia Impress, il controverso regolatore della stampa approvato dallo stato.

Dopo Oxford, Sebastian ha continuato a sposare l'erede americana Peggy Stephanich, ma il matrimonio è stato senza figli e si è concluso con il divorzio.

Maestro congiunto dei Westmeath Foxhound in Irlanda negli anni 2000, Guinness ora divide il suo tempo tra l'Irlanda, gestisce una galleria d'arte a Dublino e Cadaques in Catalogna. Ora ha un compagno spagnolo, con il quale ha un figlio. Per quanto riguarda Lady Helen Taylor (nata Windsor), si dice che sia stata lasciata in lutto dalla morte della sua cara amica d'infanzia, Olivia.

I genitori di Lady Helen, il duca e la duchessa di Kent e i Channon erano padrini l'uno dell'altro. Helen e Olivia hanno sviluppato ulteriormente la loro amicizia a St Marys, Wantage.

Conosciuta come la figlia reale selvaggia nella sua giovinezza, Lady Helen una volta descrisse come, a vent'anni, si fosse sentita immortale. La morte di Olivia ha cambiato tutto questo. Lady Helen ha successivamente sposato il proprietario della galleria d'arte Tim Taylor, dal quale ha avuto quattro figli. La sana ex musa di Giorgio Armani è un popolare reale che raccoglie fondi per beneficenza.

Si dice che Nicholas Vincent sia rimasto scioccato nel profondo dalla scoperta del corpo senza vita di Olivia e abbia lasciato il paese per un po'. Non per una persuasione edonistica, aveva avvertito Olivia del suo consumo di droghe.

Disse in seguito: Non potevo sopportare il fatto di aver dormito con Olivia accanto a me tutta la notte. Quella mattina non ero in uno stato del tutto equilibrato.

Dopo aver scelto la carriera accademica, è stato eletto borsista di Peterhouse, Cambridge, in età avanzata ed è ora professore di storia medievale all'Università dell'East Anglia, dove sta scrivendo un libro sulla Magna Carta.

In un'altra svolta nella saga di Olivia Channon, è emerso che si era separata con un ragazzo poco prima della sua morte. Uno studente universitario di Oxford di nome Jeremy Barnes, ha anche lavorato come DJ nella stazione sciistica di Verbier ed è stato chiamato da Olivia Jeremy Hippy.

La separazione è avvenuta tre mesi prima della morte di Olivia e una nota di suicidio è stata scritta da lei a Rosie Johnston in cui rivelava di essere stata scaricata.

Dopo la sua morte, la lettera di tre pagine, firmata Olivia, è stata trovata in un bidone della spazzatura fuori dalla casa che condivideva con Rosie. Scritto con inchiostro rosso e indirizzato alla carissima Rosie, c'era scritto: Quando avrai questo, non sarò più in giro.

Incolpando una rottura con un Jeremy Hippy, ha chiesto a Rosie di prendere dei soldi dalla sua proprietà per organizzare una festa per i loro amici.

In una dichiarazione rilasciata dal suo avvocato, Paul Channon ha negato che la morte di sua figlia fosse un suicidio, sottolineando che lei e Barnes si erano successivamente riconciliati.

Per quanto riguarda Barnes, è stato descritto come terribilmente ferito e angosciato dalla morte della sua ragazza. Da allora ha tenuto la testa ben al di sotto del radar, e oggi lavora nel private equity, godendosi le ricchezze della City.

Ma la ricchezza, come il signor Barnes e il resto di Olivia Channons sanno per amara esperienza personale, non è un passaporto sicuro per una vita lunga e realizzata.

Maggiori informazioni su DailyMail.co.uk

  • Categorie
  • Tag

Notizia