Seleziona una pagina

Giovedì un giudice del Wisconsin ha stabilito che c'erano prove sufficienti per far processare due uomini di 18 anni per omicidio nell'omicidio in stile esecuzione di un medico dell'Università del Wisconsin e di suo marito,

I pubblici ministeri di Madison sono stati in grado di dimostrare che c'era una probabile causa per accusare Khari Sanford e AliJah Larrue di omicidi di primo grado per le uccisioni a colpi di pistola del 30 marzo della dottoressa Beth Potter e Robin Carre, che sono state trovate insensibili e ricoperte di sangue all'Università di Arboreto del Wisconsin.

Entrambi i sospetti che indossavano maschere per il viso sono apparsi all'udienza preliminare tenutasi in teleconferenza a causa dell'epidemia di coronavirus da celle separate del carcere di pubblica sicurezza della contea di Dane. Il giudice del tribunale distrettuale Ellen Berz ha presentato motivi di non colpevolezza a loro nome.

Giovedì un giudice del Wisconsin ha ordinato a Khari Sanford (a sinistra) e AliJah Larrue (a destra), entrambi 18 anni, di essere processati con l'accusa di omicidio di primo grado per l'omicidio della dottoressa Beth Potter e Robin Carre

La dottoressa Beth Potter, 52 anni, e suo marito Robin Carre, 57 anni, sono stati trovati morti in un arboreto a Madison il 31 marzo

Un jogger ha trovato i corpi di marito e moglie all'arboreto dell'Università del Wisconsin, un'area ricreativa e di ricerca popolare. Nella foto: la polizia sul posto dove sono stati trovati i corpi delle coppie

Sanford viveva con il dottor Potter, 52 anni, e suo marito, 57 anni, e usciva con la loro figlia adottiva, Miriam Mimi Potter Carre.

Secondo una denuncia penale, Potter ha detto a un'amica poche ore prima della sua morte che lei e suo marito avevano trasferito la figlia e il fidanzato fuori dalla loro casa da $ 600.000 e in un appartamento di Airbnb perché la giovane coppia non seguiva le regole di distanziamento sociale.

Il detective della polizia dell'Università del Wisconsin-Madison Peter Grimyser ha testimoniato durante l'udienza di giovedì che la notte del 30 marzo Sanford e il suo sospetto complice, Larrue, che si chiamava Huncho, hanno portato via Potter e Carre dalla loro casa, li hanno guidati nella Volkswagen bianca il minivan che la coppia aveva prestato alla figlia per l'arboreto, dove Sanford avrebbe sparato alla testa a entrambe le vittime, ha riferito il Madison State Journal.

Mimi Potter Carre, 18 anni, la figlia della coppia uccisa, usciva e viveva con Khari Sanford

Secondo il detective, Carre indossava solo un paio di boxer e sua moglie indossava pigiama e calzini, ma niente scarpe.

Quando un jogger li trovò la mattina successiva, Carre era morto per le ferite riportate. Potter era ancora aggrappato alla vita, ma ha ceduto alle sue ferite dopo essere stata portata in ospedale.

Grimyser ha detto che gli investigatori hanno utilizzato i dati GPS del telefono di Larrues e i filmati di sorveglianza per tracciare i movimenti del minivan bianco Volkswagen la notte degli omicidi.

Un compagno di classe di Mimi e Sanford identificato come DF ha detto di averli sentiti parlare di soldi prima della sospensione della scuola a marzo.

DF ha riferito di aver sentito Miriam dire a Khari Sanford che i suoi genitori avevano bande di denaro e che erano ricchi, afferma la denuncia.

DF ha riferito che le band probabilmente significavano migliaia di dollari in contanti.

DF ha anche detto ai poliziotti che Sanford gli aveva chiesto di nascondere una pistola dopo la sparatoria, ma lui aveva rifiutato.

Sul suo telefono è stata trovata una foto di Sanford che punta quella che i poliziotti credono sia una pistola Glock verso la telecamera

Ha detto che Sanford si era fermato a casa sua il giorno dopo le sparatorie, sudando eccessivamente e apparendo un po' eccitato e frenetico.

Mentre era lì ha telefonato al suo presunto complice Larrue, dicendo di aver sentito sui social media che una delle vittime era ancora viva, dicendo che giuro di averle picchiate, come sono sopravvissute?

Ha detto che Sanford ha detto di aver sparato ai genitori della sua ragazza nella parte posteriore della testa, sebbene i resoconti dei media all'epoca non avessero incluso quel dettaglio.

La polizia ha detto che i messaggi di testo recuperati dal telefono di Potter Carres hanno anche messo Larrue in compagnia di Sanford poco dopo le sparatorie.

L'avvocato di Sanford, Andrew Martinez, ha affermato che non è stata presentata alcuna prova davanti al tribunale che leghi il suo cliente al minivan bianco o alla pistola usata negli omicidi, e ha respinto la presunta ammissione dei sospetti come non credibile.

L'avvocato di Larrues, Michael Covey, ha affermato che il suo cliente non era coinvolto nella commissione del crimine e ha convinto il detective a dire sul verbale che non c'è nulla che suggerisca che fosse lui l'assassino.

Covey ha inoltre affermato che si tratta di un caso sottile con molte domande senza risposta.

Questa non è la prima volta che Sanford si scontra con la legge. Sanford è stato accusato di furto d'auto l'anno scorso quando viveva nel sobborgo di Middleton, a Madison

La parte fondamentale di questo caso è che si basano sui dati GPS che non mettono [Larrue] sulla scena del crimine, ma lo collocano solo nell'area approssimativa, ha detto Covey, secondo ABC News. È logico che Larrue si stesse nascondendo o cercasse di non essere coinvolto o dicesse a Sanford di smetterla con quello che stava facendo.

Il vice procuratore distrettuale della contea di Dane Matthew Moeser ha respinto le argomentazioni di Coveys, dicendo che ci sono forti prove circostanziali che Larrue abbia avuto un ruolo negli omicidi.

Il signor Covey sta sostanzialmente suggerendo che [Larrue] fosse solo uno spettatore innocente, ha detto Moeser, aggiungendo che non ci sono prove che il diciottenne abbia fatto qualcosa per fermare o prevenire gli omicidi, o che si stesse nascondendo per paura.

Sanford e Larrue rimangono nella prigione della contea con una cauzione di 1 milione di dollari ciascuno. Se condannati come accusati, rischiano l'ergastolo.

La figlia di Potter e Carres non è stata accusata in relazione agli omicidi.

Mimi a cui si fa riferimento nei documenti del tribunale con il suo vero nome Miriam ha confermato alla polizia che i suoi genitori l'avevano trasferita fuori perché non voleva mettersi in quarantena durante la crisi del coronavirus.

Miriam ha riferito che suo padre si era messo in quarantena nelle ultime settimane, secondo la denuncia penale.

Ha detto che nelle ultime due settimane Sanford aveva vissuto nella casa della famiglia da $ 600.000 vicino all'università. Lei e Sanford erano entrambi studenti della Madison West High School, vicino alla casa di famiglia. Sanford era un ricevitore nella squadra di football della scuola.

Miriam ha detto che amava il suo ragazzo ed era estremamente leale nei suoi confronti, ha detto la denuncia, preparata dagli agenti del dipartimento di polizia dell'università.