Seleziona una pagina

Due ex giocatori di football del college accusati ingiustamente di stupro da un compagno di studi ora stanno facendo causa a lei e all'università che li ha sospesi.

Gli atti del tribunale del Connecticut mostrano che gli ex giocatori di football della Sacred Heart University Dhameer Bradley e Malik St. Hilaire hanno intentato una causa contro Nikki Yovino, di South Setauket, New York, il 10 ottobre.

Le accuse contro Yovino, 20 anni, includono diffamazione e inflizione di stress emotivo. Hanno anche accusato la scuola di averli sospesi ingiustamente.

Nikki Yovino, 20 anni, ha accusato falsamente i compagni di scuola Malik St. Hilarie e Dhameer Bradley di stupro a una festa nell'ottobre 2016. All'udienza della sentenza ad agosto, sembrava alzare gli occhi al cielo

Malik St. Hilarie (a sinistra) e Dhameer Bradley hanno intentato una causa contro Yovino per calunnia e inflizione di stress emotivo il 10 ottobre. Hanno anche nominato la Sacred Heart University nella causa

Yovino stava frequentando la Sacred Heart University di Fairfield, nel Connecticut, quando ha riferito di essere stata violentata da due giocatori di football della scuola successivamente identificati come Dhameer Bradley e Malik St. Hilaire a una festa fuori dal campus a Bridgeport, nel Connecticut, nell'ottobre 2016.

Bradley e St. Hilaire hanno detto che loro e Yovino hanno fatto sesso consensuale a una festa fuori dal campus.

Ma la polizia ha detto che in seguito ha ammesso di aver inventato le accuse in modo da non rovinare una relazione con un potenziale fidanzato.

Yovino, 20 anni, è stato condannato ad agosto a un anno di carcere dopo essersi dichiarato colpevole di aver riportato falsamente un incidente e di aver interferito con la polizia.

I calciatori non sono mai stati arrestati, ma entrambi si sono ritirati dalla scuola pur affrontando una possibile disciplina.

St. Hilarie era in tribunale ad agosto per leggere la sua dichiarazione sull'impatto della vittima quando si diceva che Yovino avesse alzato gli occhi al cielo e fatto un sorrisetto, affermazioni che il suo avvocato ha contestato

Yovino ha accusato Bradley e St. Hilaire di averla violentata alla festa fuori dal campus, ma gli uomini hanno detto che il sesso era consensuale. È stata condannata a un anno di carcere dopo essersi dichiarata colpevole di aver riportato falsamente un incidente e di aver interferito con la polizia

Durante la sua udienza di condanna, Yovino ha fatto notizia dopo che sembrava che avesse alzato gli occhi al cielo e sorriso compiaciuto mentre St. Hilaire leggeva la sua dichiarazione sull'impatto della vittima in aula, secondo Law & Crime.

Sono passato dall'essere uno studente universitario a stare seduto a casa per essere espulso senza alcun modo per riabilitare il mio nome, ha detto St. Hilaire.

Spero solo che sappia cosa mi ha fatto, la mia vita non sarà più la stessa. Non ho fatto nulla di male, ma per questo è stato modificato tutto.

Frank Riccio III, che rappresentava i calciatori, ha letto una dichiarazione di un secondo uomo, che all'epoca non voleva essere identificato ma presumibilmente è Bradley.

Nella dichiarazione, l'ex calciatore ha affermato di aver perso la borsa di studio per il calcio a causa delle accuse di Yovinos e di soffrire di depressione e ansia.

Mi ha accusato di quello che ritengo essere un crimine orrendo e orribile a causa delle sue stesse preoccupazioni egoistiche, secondo la dichiarazione degli studenti non identificati, secondo The Hour.

Ho perso la mia borsa di studio, il mio sogno di continuare a giocare a calcio e ora ho un debito di $ 30.000 e sto semplicemente cercando di andare avanti nel miglior modo possibile.

Secondo Law & Crime, qualcuno in piedi vicino a Yovino durante l'udienza ha detto che anche lei si è lamentata mentre parlava St. Hilaire e non ha mostrato rimorso.

Dopo la sentenza, l'avvocato di Yovinos, Ryan ONeill, ha affermato che non c'era verità nel suggerimento di aver alzato gli occhi al cielo durante l'udienza.

L'affermazione secondo cui Nikki ha alzato gli occhi al cielo in una sorta di sfida al processo è falsa, ha detto ONeill alla NBC Connecticut, aggiungendo che la prova era nel fatto che il giudice non l'ha mai rimproverata o commentato il suo comportamento, nonostante fosse seduto direttamente di fronte a lei.

Ha detto che si stava semplicemente guardando intorno durante l'udienza e stava tentando di togliersi i lunghi capelli dal viso senza il beneficio delle sue mani, che erano ammanettate dietro la schiena.

Un avvocato dell'università ha rifiutato di commentare la causa lunedì. L'avvocato di Yovinos non ha restituito immediatamente un messaggio.