Seleziona una pagina

Una coppia canadese che ha trascorso gli ultimi tre anni viaggiando per il mondo nel suo furgone ha rivelato di aver dovuto lasciare il proprio veicolo in Africa e prendere un volo di salvataggio per tornare a casa nel mezzo della pandemia di coronavirus.

Le star di YouTube Eamon Fitzgerald, 28 anni, e Rebecca Bec Moroney, 29 anni, vivevano fuori dal loro furgone in Marocco con il loro amico Lee MacMillan, 27 anni, quando è iniziata la crisi sanitaria, costringendoli a prendere la decisione dell'ultimo minuto di fuggire dal paese .

La coppia ha raccontato la loro esperienza in un video condiviso sul loro canale YouTube Eamon e Bec alla fine di marzo, e quando sono arrivati ​​in aeroporto erano sicuri di aver preso la decisione giusta.

Vivere la vita: le star di YouTube Eamon Fitzgerald, 28 anni, e Rebecca Bec Moroney, 29 anni, hanno trascorso gli ultimi tre anni viaggiando per il mondo nel loro furgone

All'estero: la coppia canadese viveva fuori dal loro furgone in Marocco con il loro amico Lee MacMillan, 27 anni, all'inizio della pandemia di coronavirus

All'inizio della clip, hanno ammesso che ogni mattina si svegliavano bombardati da informazioni sulla diffusione del coronavirus, ma non erano ancora sicuri di cosa avrebbero fatto.

Ci svegliamo sentendoci grati per la nostra situazione. C'è un istinto del tipo, Wow, è fantastico. Siamo in una bellissima spiaggia isolata. Non c'è letteralmente nessuno qui, ha spiegato Eamon. Non potremmo essere in un posto più produttivo e poi inizi a collegarti online e i follower iniziano a inviare messaggi a te e tua madre ti invia messaggi

Bec ha detto che la sua più grande preoccupazione al momento era che tutti i voli per il Canada fossero stati cancellati. Temeva che, se non avessero agito immediatamente, sarebbero rimasti bloccati in Marocco senza alcuna risorsa.

Tuttavia, erano riluttanti ad abbandonare il loro furgone, l'unica casa che conoscevano negli ultimi tre anni.

Dove andremo in Canada? chiese Bec. Non abbiamo una casa.

Dovremmo restare? Inizialmente pensavano di rimanere in Marocco durante la crisi globale

Decisione difficile: erano praticamente isolati sulla spiaggia, ma avevano paura di esaurire le risorse

Eamon, Bec e Lee erano praticamente isolati sulla spiaggia, ma sono stati costretti a guidare fino alla città di Tamrat Tezdane perché stavano finendo i prodotti e l'acqua.

Sebbene la maggior parte dei negozi fosse chiusa, hanno trovato un piccolo negozio che vendeva prodotti e hanno notato che alcune persone indossavano maschere per il viso.

Il 20 marzo, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha annunciato che Air Canada avrebbe inviato un aereo per salvare i canadesi in Marocco, ma i passeggeri avrebbero dovuto pagare il posto come se fosse un volo commerciale con un biglietto da $ 1.272 più tasse.

Eamon ha ammesso che non erano ancora sicuri di cosa avrebbero fatto perché non c'erano informazioni su come avrebbero dovuto prenotare i voli per tornare a casa.

Siamo registrati presso il governo canadese come canadesi all'estero, quindi speriamo di ricevere un'e-mail che dice: Ehi, salta sull'aereo, ha detto. E se riceviamo quell'e-mail, allora penso che potremmo prenderci a calci nei denti se non ascoltiamo.

Preoccupazioni: quando sono entrati in macchina nella città di Tamrat Tezdane per procurarsi prodotti alimentari e acqua, la maggior parte dei negozi e dei ristoranti sono stati chiusi

Emergenza: hanno preso la decisione dell'ultimo minuto di prenotare i biglietti per casa su un volo commerciale per i canadesi in Marocco

Sbrigati: Eamon, Bec e Lee si sono precipitati a fare i bagagli e gli effetti personali prima di svegliarsi nelle prime ore del mattino per guidare a Casablanca per il loro volo

Bec ha spiegato che lo scenario migliore è che tornino in Marocco tra due mesi per ritirare il loro furgone. Il peggio sarebbe se fossero bloccati lì senza parlare la lingua o avere il sostegno della loro comunità a casa.

I tre furono comprensibilmente presi dal panico quando seppero che l'aereo aveva 450 posti a sedere, ma c'erano 4.500 canadesi che cercavano di tornare a casa.

A peggiorare le cose, non hanno mai ricevuto un'e-mail sul volo. Fortunatamente, un amico di un amico ha passato l'e-mail ed Eamon ha insistito affinché prenotassero i voli il prima possibile.

La mia opinione è che non abbiamo ricevuto questa e-mail perché non ci siamo registrati abbastanza velocemente, ha detto. Quindi, se riusciamo a prendere un biglietto su questo aereo, questa potrebbe essere l'unica possibilità.

Eamon, Bec e Lee si sono precipitati a mettere in valigia i loro vestiti e gli effetti personali prima di svegliarsi nelle prime ore del mattino per guidare a Casablanca per il loro volo.

Pronti per partire: hanno trascorso i loro ultimi momenti in Marocco regalando il loro cibo e liberando il veicolo dall'acqua e dai prodotti deperibili prima del volo

Difficile da gestire: Eamon e Bec erano comprensibilmente sconvolti dal dover lasciare la loro casa su ruote

Buona scelta: quando sono entrati in aeroporto, erano sicuri di aver preso la decisione giusta tornando in Canada

Hanno trovato un posto dove parcheggiare il loro furgone per 40 dirham degli Emirati Arabi Uniti ($ 10,89) al giorno e hanno trascorso i loro ultimi momenti in Marocco regalando il loro cibo e liberando il veicolo dall'acqua e dai prodotti deperibili.

L'aeroporto era pieno di persone che stavano cercando di ottenere i biglietti per il loro volo e si sentivano fortunati per aver preso la decisione che avevano fatto.

Ci sentiamo molto, molto grati di aver agito quando ne abbiamo avuto la possibilità, ha detto Bec. Ci sono stati molti segnali che questa è la mossa giusta.

Poco prima di salire a bordo del volo, hanno ricevuto un'e-mail in cui si diceva che la loro compagnia di assicurazioni non li avrebbe più coperti se fossero rimasti all'estero perché erano stati invitati a tornare in Canada.

So che non siamo ancora sull'aereo, ma voglio ribadire quanto mi sento grato di essere in questa posizione per poter tornare a casa, ha detto Eamon.

Felice: Eamon ha detto di essere così grato di poter tornare a casa durante la pandemia

La sicurezza prima di tutto: dopo essere arrivati ​​in Canada, Eamon e Bec hanno trascorso due settimane in quarantena con Lee a casa dei suoi genitori

Dopo essere tornati in Canada e aver trascorso la notte a Montreal, si sono imbarcati su un secondo volo per Toronto.

Eamon e Bec hanno spiegato che avrebbero trascorso due settimane in quarantena con Lee a casa dei suoi genitori.

Ha scherzato sul fatto che non sono ancora una coppia, ma ci sono state alcune teorie del complotto.

Bec ha notato che staranno nel seminterrato, separati dai genitori di Lees per tenerli al sicuro.

Sappiamo quanto sia importante [mettere in quarantena], ha detto. Probabilmente siamo entrati in contatto con il virus e chiunque vediamo potrebbe potenzialmente diffonderlo.

Il video si è concluso con loro che brindavano alla loro nuova casa temporanea nel seminterrato, che era piena di cibo e articoli da toeletta che potevano usare.

Dopo le due settimane di quarantena, Eamon e Bec hanno lasciato Lee e hanno iniziato la loro prossima avventura costruendo una piccola casa.